Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La resistenza di Kiev, il sindaco: «La città è circondata…». Poi smentisce: «Fake news dei russi»

Dopo l’allarme lanciato in un’intervista all’agenzia americana Ap, è lo stesso sindaco a cambiare linea su Telegram

Improvviso dietrofront del sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, dopo aver rilasciato un’intervista all’Associated press in cui lanciava un drammatico allarme sulla situazione nella capitale ucraina al quarto giorno di combattimenti contro l’esercito russo. All’agenzia Klitschko aveva detto che Kyïv «è circondata e prossima alla catastrofe umanitaria». Dichiarazioni che lo stesso sindaco ha bollato come: «Fake news dei russi» in una sorta di smentita sul suo canale Telegram: «I media russi stanno diffondendo notizie in cui dico che Kiev sarebbe circondata e che l’evacuazione delle persone sarebbe impossibile… Non credete alle bugie. Fidatevi solo delle informazioni che arrivano da fonti ufficiali. Stiamo uniti, l’Ucraina vincerà».


Nell’intervista ad Ap, ancora presente sul sito dell’agenzia, Klitschko aveva spiegato: «al momento, c’è ancora elettricità e i riscaldamenti funzionano, e non ci sono problemi con la rete idrica, ma le infrastrutture che servono per distribuire cibo e farmaci alla popolazione che vengono distrutte» dall’esercito russo. Inoltre, «Kiev è circondata dai mezzi dell’esercito russo e, qualora le truppe russe dovessero prendere il controllo della città, «non ci sarebbe modo per riuscire a evacuare i civili». Ma il primo cittadino della capitale ucraina diceva di non essere scoraggiato: «Mostriamo il nostro carattere, la nostra conoscenza, i nostri valori». E infine avev ha aggiunto: «Il messaggio per tutti è: sostenete insieme l’Ucraina, siamo forti. Ogni ucraino è orgoglioso di essere indipendente, orgoglioso di essere ucraino e noi siamo orgogliosi di avere il nostro Paese».


Leggi anche: