Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«La missione russa in Italia? Dicevano di voler bonificare gli uffici pubblici ma noi abbiamo detto no»

Miozzo (ex Cts) racconta cosa successe nel marzo 2020, quando in piena pandemia militari e medici di Mosca arrivarono a Roma

I militari e i medici russi arrivati in Italia per aiutare durante l’emergenza Coronavirus «sostenevano di avere un mandato preciso, ovvero di bonificare le strutture pubbliche. Questo è quello che disse Kikot e posso immaginare a che cosa si riferisse», ma noi «abbiamo tenuto il punto». In una intervista rilasciata a Il Mattino il medico Agostino Miozzo, che nel marzo 2020 era coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, racconta dal suo punto di vista cosa successe a marzo 2020, quando in piena pandemia i russi sbarcarono in Italia per quello che è stato definito un tentativo di spionaggio sventato dal ministro della Difesa Lorenzo Guerini.


La Russia e l’intelligence

Miozzo ieri ha detto che i russi volevano «entrare negli uffici pubblici». «Sapevamo che erano figure esperte in ambito Nbcr – spiega oggi -. Ci avevano offerto collaborazione per la sanificazione degli ambienti ma noi del Cts non abbiamo mai avuto alcuna lista con i nominativi dei medici e infermieri partecipanti alla missione russa né abbiamo potuto conoscere o valutare i profili professionali e scientifici di questi esperti». E poi precisa: «Non era il Cts a coordinare questi interventi sul terreno» e aggiunge «non abbiamo mai visionato alcuna lista delle apparecchiature e dei supporti sanitari scaricati dai loro aerei. Non so dirle se erano attrezzature valide o meno».


Miozzo aggiunge di aver incontrato il generale Sergej Kikot solo durante la tesa riunione operativa con la delegazione russa: «Conosco bene il suo capo – evidenzia -: l’attuale ministro della Difesa di Mosca, Sergey Shoigu. È un militare esigente e deciso. Non so se Kikot si riferisse a Shoigu o a Putin quando ci parlava del mandato ricevuto ma poco importa, noi abbiamo tenuto il punto». Infine, parlando del fatto che la delegazione russa si è mossa per due mesi in un Paese Nato, Miozzo precisa: «In 40 anni di missioni di cooperazione internazionale ho imparato che una buona percentuale dei componenti i team operativi sul terreno, a tutti i livelli e in ogni Paese, è sempre appartenuto ai servizi di sicurezza e di intelligence. Per questo sono certo che anche i nostri apparati fossero stati allertati».

Leggi anche: