Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia
MONDO DroniRussiaUcrainaUSA

Gli Stati Uniti inviano 100 droni kamikaze all’Ucraina: «Per ogni tank russo manderemo 10 sistemi anti carro»

I droni Switchblade sono in grado di volare fino a 40 chilometri prima di colpire il bersaglio. Fanno parte del nuovo pacchetto di aiuti degli Stati Uniti per l’esercito di Kiev

Nel nuovo carico di aiuti militari forniti all’esercito ucraino dal Pentagono ci sono anche 100 droni Switchblade, un modello in grado di distruggere un carro armato. A confermarlo è il portavoce del Pentagono nel corso di un briefing che si è tenuto nelle ultime ore. Qui è stato spiegato anche che le forze militari americane hanno addestrato «un numero molto ristretto di soldati ucraini che erano negli Stati Uniti e poi sono rientrati in Ucraina per addestrarne altri». Sempre nella giornata di oggi Antony Blinken, segretario di Stato americano, in un’intervista con la Nbc ha detto: «Per ogni carro armato russo gli Stati Uniti e la Nato hanno fornito o forniranno dieci sistemi anti-carro all’Ucraina». I droni Switchblade, chiamati anche droni kamikaze, sono prodotti dalla californiana AeroVironment e possono volare per circa 40 chilometri, rimanendo sospesi per 40 minuti prima di sferrare il loro attacco. Questi materiali fanno parte di un pacchetto di aiuti militari che ha un valore complessivo di 1,6 miliardi di dollari.


La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha parlato anche delle opzioni che sono in campo per processare Mosca per crimini di guerra: «Non è ancora stato deciso un meccanismo in particolare, ci sono varie possibilità, la Corte penale internazionale (Cpi) è una di queste. Gli Usa non sono membri della Cpi ma anche in passato ha collaborato e sostenuto diverse inchieste». Psaki ha spiegato anche che gli Stati Uniti hanno deciso di sanzionare Ekaterina Tikhonova e Maria Vorontsova, le due figlie di Vladimir Putin: «Abbiamo visto da parte del leader del Cremlino e di altri oligarchi tentativi e sforzi per nascondere beni nei conti dei loro familiari».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: