Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Questo attempato signore ucraino non sta sollevando un missile di polistirolo

Nella foto, si vede il signore posare vicino al razzo come se lo stesse sostenendo con una sola mano

«La propaganda ucraina sta scadendo nel demenziale. Il servizio di emergenza sgombera le macerie a Kharkiv dopo i “bombardamenti delle forze di occupazione russe”, e un attempato signore ucraino trasporta un’ogiva da una tonnellata a spalla!»: questo testo, replicato in numerosi post, ha accompagnato una foto che ha fatto il giro dei social, con l’obiettivo di smascherare la «propaganda». La retorica è ormai nota: nel web ci sono fette abbastanza nutrite di utenti che credono che il conflitto attualmente in corso in Ucraina non sarebbe altro che una grande montatura. Ma il presunto debunking contenuto nella didascalia ha bisogno di un contro-debunking.

Per chi ha fretta:

  • Circola una foto in cui un anziano signore ucraino sembra sorreggere senza fatica un’ogiva da 500 kg
  • Secondo alcuni utenti, sarebbe la prova della “propaganda ukraina”, dove i bombardamenti russi sarebbero solo delle simulazioni teatrali
  • In realtà l’uomo non trasporta una bomba di polistirolo: è solo un’illusione ottica che lascia credere che il peso dell’ordigno ricada su di lui, mentre invece ci sono due ganci che sorreggono la bomba

Analisi

La foto ritrae tre membri del Servizio di emergenza statale dell’Ucraina per operazioni di salvataggio in edifici distrutti. Come possiamo vedere, sono circondati dai detriti causati dai bombardamenti dell’aviazione russa. In particolare, troneggia al centro della foto una Fab-500: una bomba russa ad alto potenziale esplosivo, che pesa 500 kg. Eppure, il secondo uomo a un primo sguardo superficiale sempre sostenerla agevolmente grazie al solo supporto della sua spalla: l’illusione ottica ha generato non poco stupore, anche in vista dell’età avanzata del soggetto, che non lascerebbe presumere tanta forza fisica.

Uno dei post che condivide il meme.

«L’attempato soccorritore è in realtà Bruce Banner», recita un post su Facebook, condividendo la tesi della propaganda, «è intervenuto anche Superman vestito da soldato ucraino», aggiunge un altro. «Adesso le bombe sono fatte di polistirolo?» commenta un utente su Twitter. La risposta è no: semplicemente, l’uomo non sta trasportando l’ogiva sulla sua spalla.

Basta guardare meglio per notare i due ganci e i rispettivi cavi che si legano agli anelli di sospensione della bomba e la sollevano, caricandone il peso. Il meccanismo pare già evidente nella foto incriminata, ma se non bastasse basta prendere un’altra foto scattata nella stessa occasione, che riprende il medesimo ordigno da una diversa inquadratura, rendendo palese il fatto che fosse appeso ad una gru. Il contesto viene fornito dalla pagina social del Servizio di emergenza stesso, che nel pubblicare una serie di foto insieme a quella in oggetto, lo scorso 4 marzo spiega che le immagini provengono da «operazioni di emergenza e salvataggio in edifici distrutti a seguito dei bombardamenti da parte degli occupanti russi» a Kharkiv, dove «i soccorritori stavano sistemando le macerie, in cui era probabile trovare persone».

In sostanza, il signore nella foto non era Superman: si era solo messo in posa. Un po’ come i turisti davanti alla Torre di Pisa, che simulano di sostenere il peso dell’edificio con un solo braccio. Altre foto simili sono visibili, in altri scenari e con altre bombe, nel profilo Facebook del Servizio di emergenza statale.

Conclusioni

La foto di un signore ucraino che pare reggere agevolmente un ordigno da 500 chili è frutto di un’illusione ottica, non del tentativo occulto di fare propaganda.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Leggi anche: