Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia
MONDO ArmiMissiliMoscaRussiaSarmat

Sarmat: come funziona il nuovo missile intercontinentale testato dalla Russia che «può distruggere un paese»

Può colpire obiettivi dall’altra parte del pianeta da direzioni impreviste entro un’ora

Ieri 20 aprile è stato lanciato il nuovo missile intercontinentale, Sarmat, prodotto interamente in Russia e sul quale Vladimir Putin punta moltissimo. Quest’arma «non avrà pari al mondo per lungo tempo», ha detto il presidente russo, parlando di un’arma che «può penetrare ogni sistema di difesa presente o futura e che farà riflettere coloro che stanno minacciando la Russia». Per Putin il nuovo missile «darà garanzie di sicurezza» sul suo Paese. Un missile intercontinentale con capacità atomica, di lunghissimo raggio che può superare tutti i moderni sistemi antiaerei: con una gittata massima di 18 mila km, ieri ha colpito un bersaglio a oltre 5 mila km di distanza. Sarmat entrerà a far parte delle forze progettate per intervenire in caso di guerra nucleare. Il Pentagono, intanto, dice che non bisogna preoccuparsi, che si tratta solo di un test di routine, che non deve essere considerata una minaccia e che comunque Mosca aveva correttamente informato Washington.


Il lancio è stato effettuato ieri 20 aprile dalla base di Plesetsk, 800 chilometri a nord di Mosca, alle 15.12 ora locale. Si tratterebbe del primo di una serie programmata: una volta che il piano sarà completato, il sistema missilistico entrerà in servizio nelle forze missilistiche strategiche. Il nuovo missile balistico intercontinentale, tra l’altro, è dotato di armamento termonucleare. A propellente liquido, pesa 200 tonnellate e può scatenare addirittura dodici grandi testate termonucleari con una resa esplosiva fino a 750 kilotoni. E pensare che la bomba atomica di Hiroshima era di circa 15 kilotoni. Il Sarmat o Satan 2 può consegnare anche il nuovo veicolo di planata ipersonico Avangard. L’alta velocità, la bassa traiettoria e la manovrabilità a metà volo di Avangard potrebbe diventare immune all’intercettazione del sistema di scudi Thaad americano, scrive Il Messaggero. Il Sarmat può effettuare un volo circumterrestre e colpire obiettivi dall’altra parte del pianeta da direzioni impreviste entro un’ora. E sarebbe in grado di distruggere un Paese intero come la Francia.

Foto in copertina: EPA/RUSSIAN DEFENCE MINISTRY PRESS SERVICE

Leggi anche: