Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Il video di Putin durante la messa pasquale del 2022 non è un fake

Un thread pubblicato su Twitter da Igor Sushko, un pilota d’auto ucraino, è diventato particolarmente virale in quanto sostiene la teoria di Vladimir Putin assente durante la celebrazione della messa di Pasqua. L’autore dei tweet si basa su un video pubblicato da RT, un servizio corto di appena un minuto, ignorando i video più completi. Gli stessi video, così come altri pubblicati anche da terzi rispetto a Mosca, smentiscono la teoria del complotto.

Per chi ha fretta

  • Un video servizio di un minuto, pubblicato da RT, viene usato come prova dell’assenza di Putin durante la messa.
  • Si sostiene che, per inscenare la presenza di Putin durante la messa, avrebbero usato dei video registrati nella cerimonia del 2021. La prova? Lo stesso vestito.
  • In realtà, Vladimir Putin si veste nella stessa maniera da anni durante la cerimonia pasquale.
  • Putin si trova sempre nello stesso punto, basta osservare le altre riprese effettuate ad esempio da AFP.
  • Non risulta che la presenza di Vladimir Putin sia stata una messinscena.

Analisi

Ecco il primo tweet del thread pubblicato pilota:

RUSSIAN PROPAGANDA FAKE: Easter on Russian State TV. Putin was too much of a coward to be present in the church during the actual event. Pre-recorded footage of him added in, and quite poorly. He is missing next to the painting of a crown on a red table on the wall.

Il Corriere ha usato un video vecchio?

Una delle supposizioni circolate online riguarda il video pubblicato dal Corriere della Sera in quanto ritenuto datato 2021. La teoria si basa sul semplice fatto che Kirill, il Patriarca di Mosca, avesse in mano tre candele spente anziché una come visibile nel canale Youtube ufficiale Russianchurch. Prima di procedere, portiamo all’attenzione un elemento che ci permette di distinguere la cerimonia del 2021 da quella del 2022.

Come possiamo constatare, l’altare presenta un ornamento con due diverse raffigurazioni nelle due cerimonie. Quale dei due è presente nel video del Corriere? Quello del 2022.

La stessa scena, a sostegno del fatto che quello di Russianchurch non sia un montaggio, è stata trasmessa in diretta streaming dal canale Youtube “Народное Слово” dal minuto 45:00.

La scena in cui il Patriarca di Mosca tiene in mano una delle tre candele accese è visibile nel video di Russianchurch intorno al minuto 39:00 e intorno al minuto 49:25 della diretta streaming di “Народное Слово“.

L’abito di Putin

Un elemento usato a sostegno della teoria del video “vecchio” è l’abito di Putin, il quale risulta simile a quello del 2021.

Il fatto che fosse vestito con gli stessi colori di vestito e cravatta non è una prova sufficiente per sostenere la teoria delle riprese del 2021 usate per il video del 2022. Le stesse o simili tonalità le troviamo nei video delle messe precedenti relative agli anni 2016 e 2019 (volendo anche nel 2018).

La candela di Putin

Nei video del 2016, 2018 e 2019 la candela che tiene in mano Vladimir Putin è bianca, mentre quella del video del 2021 e del 2022 è rossa. Escludiamo, dunque, che possano essere stati usati video precedenti al 2021. C’è un elemento nella candela che ci permette di capire che le immagini del 2021 non sono state usate nel 2022, il “salva goccia”.

Nel video del 2022 notiamo che Vladimir Putin tiene in mano la candela attraverso un “salva goccia”. In quello del 2021 non risulta presente (da qui una visuale migliore della candela), tenendo la candela direttamente con le proprie mani. Confrontando le foto della cerimonia del 2021 con i fotogrammi del video del 2022, notiamo ancora una volta questa differenza anche nell’altra persona accanto a Putin.

Un video pre-registrato?

Secondo Igor Sushko, qualcuno avrebbe filmato Putin durante la “pre-registrazione” all’interno di «una chiesa svuotata» e «protetta dalle guardie del corpo».

Il pubblico c’era, basta guardare a destra nel video per rendersene conto.

La posizione del pubblico è la stessa che si vede nelle riprese dall’alto. Dalla seguente immagine notiamo la “guardia del corpo” posto nella stessa posizione, così come il pubblico. Evidenziato in azzurro, notiamo che il pubblico è distante dalle “transenne” in entrambe le immagini.

La teoria del video pre-registrato viene smentita da un’altra ripresa, una clip che non è presente nei canali russi.

Nel video si conferma lo spazio tra il pubblico, presente nel video usato per sostenere che fosse tutto pre-registrato, e le “transenne”. Lo vediamo nel seguente fotogramma dove vediamo entrare i celebranti, durante la messa.

Nel video si vede chiaramente Putin durante la cerimonia. Nel fotogramma successivo notiamo che il Patriarca tiene in mano tre candele, di cui una sola accesa come nei fotogrammi pubblicati a inizio di questo articolo sulla vicenda del Corriere della Sera.

Putin troppo magro rispetto ai video precedenti?

In un precedente video, quello dell’incontro con il ministro della Difesa Sergej Shoigu, Putin sembrava gonfio e completamente fuori forma. Sulla base di quelle riprese, c’è chi ha sostenuto che quello in piedi non poteva essere Putin o in ogni caso sarebbe stato l’ennesimo dubbio a sostegno della teoria del video pre-registrato. L’incontro tra Putin a Guterres ci permette di fare un confronto attraverso le foto di GettyImages.

Se nell’incontro con il ministro della Difesa Sergej Shoigu era seduto e “schiacciato”, il Vladimir Putin in piedi non è diverso tra quello fotografato durante la messa e quello filmato poco prima dell’incontro con Guterres.

Conclusioni

Risulta che l’utente Igor Sushko, così come altri insieme a lui, non abbia dimostrato in alcun modo la teoria del video pre-registrato per far credere che Putin fosse presente alla cerimonia pasquale. Al contrario, le foto e gli altri video (quelli non pubblicati dal Cremlino) dimostrano che Putin era presente prima e durante la cerimonia.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Leggi anche: