Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Mattarella agli Alpini, l’omaggio ai caduti della Seconda guerra mondiale: «mentre la Russia sta scatenando un conflitto brutale in Ucraina»

Il Capo dello Stato ha inviato un messaggio al presidente dell’Associazione degli Alpini in occasione della 93esima adunata nazionale a Rimini

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della 93esima adunata nazionale degli Alpini a Rimini, ha inviato un messaggio e non ha risparmiato critiche durissime alla Russia di Putin che dal 24 febbraio scorso ha invaso l’Ucraina: «In queste giornate, caratterizzate dalla violenza e dalla brutalità della guerra scatenata dalla Federazione Russa nei territori dell’Ucraina, non possiamo fare a meno di ricordare in particolare i soldati italiani vittime della Seconda guerra mondiale. Alla loro memoria, al loro sacrificio e a quello di tutti i caduti delle nostre forze armate, ai sentimenti di pace che maturarono dolorosamente in quel conflitto e che ci hanno restituito un’Europa priva di guerre per oltre mezzo secolo, dedichiamo questo giorno». Poi il Capo dello Stato ha lodato il coraggio e il sacrificio degli Alpini per la costruzione della pace in Europa. Li ha ringraziati per il «contributo straordinario sempre offerto, dalla sua fondazione, alle attività di volontariato, con quei sentimenti di fratellanza e solidarietà che hanno caratterizzato la presenza delle Penne Nere sul territorio».


Cosa ha detto il Capo dello Stato

In un messaggio inviato al presidente dell’Associazione nazionale Alpini, Sebastiano Favero, Mattarella ha aggiunto: «Gli Alpini in servizio e in congedo hanno partecipato, a buon titolo, alle iniziative di contrasto alla pandemia, collaborando con le articolazioni del servizio sanitario nazionale e le istituzioni locali». «L’adunata nazionale rappresenta, altresì, tappa della memoria della storia del Corpo, che tanta parte ha avuto nella realizzazione dell’unità nazionale, dalle battaglie sull’Ortigara, a Caporetto, al Monte Grappa. Rivolgo il mio pensiero a quanti “sono andati avanti” e rendo omaggio al labaro dell’A.N.A., testimone della dedizione e del coraggio degli Alpini».


Foto in copertina di repertorio: ANSA/UFFICIO STAMPA DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA/PAOLO GIANDOTTI

Leggi anche: