Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La vendetta di Putin sui tagli «tecnici» del gas fa schizzare i prezzi, allarme sulle bollette. La proposta: «Rischio blackout: è ora di razionare»

Le possibilità di andare incontro a un blocco delle forniture nei prossimi mesi è concreto, secondo il presidente della società di consulenza Nomisma, Davide Tabarelli

Se da un lato le autorità europee e il governo italiano escludono situazioni di emergenza energetica, i tagli improvvisi annunciati da Gazprom sulle forniture di gas verso l’Europa rischiano di abbattersi su famiglie e imprese già a partire dal prossimo luglio. Anche Omv, la compagnia energetica austriaca ha dichiarato di aver subito un taglio delle forniture da parte di Gazprom. Il colosso russo ha giustificato la riduzione prima del 40% e poi di un altro 30% come «problemi tecnici». Prima una turbina Siemens sul gasdotto Nord che sarebbe difficile da reperire per via delle sanzioni Ue contro la Russia, poi un’altra che porterebbe a un taglio sulle forniture di gas per Berlino di 67 milioni di metri cubi. L’impressione del governo tedesco è che si tratti esclusivamente di una «decisione politica» del Cremlino, che un effetto concreto lo ha già ottenuto con il prezzo del gas alla borsa di Amsterdam che è tornato a sfiorare i 100 euro a megawattora.


«La realtà è molto più cruda – tuona il presidente di Nomisma, Daivde Tabarelli sulla Stampa – siamo in guerra, serve un piano di razionamento e la nostra sicurezza energetica è minacciata». Con i prezzi dell’energia già in aumento da settimane, le previsioni per l’estate già allarmano in attesa delle tariffe trimestrali che l’Arera dovrà applicare per le bollette di luce e gas dal 1 luglio. Considerando poi che l’Italia produce il 40% delle propria energia elettrica dal gas, gli aumenti anche sulla bolletta della luce sono praticamente automatici. Dopo la riduzione del 10% applicata dal governo sulle bollette lo scorso aprile, per i prossimi mesi i provvedimenti del governo rischiano di essere insufficienti.


Un provvedimento indispensabile, spiega il presidente di Nomisma, Davide Tabarelli, per evitare gli aumenti previsti nei prossimi mesi. Rincari che si abbatteranno anche sui beni di consumo, come avverte il delegato per l’energia di Confindustria, Aurelio Regina: «Gli aumenti hanno già raggiunto livelli insostenibili che determineranno per il manifatturiero italiano un costo superiore a 50 miliardi di euro».

Leggi anche: