Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Questo video non mostra l’esplosione in Donbass del missile russo Kinzhal

Il video è un TikTok creato usando CGI e aggiungendo una traccia audio

Un video di un’esplosione viene condiviso su Facebook viene attribuito al colpo inflitto a un deposito di munizioni del Donbass dal missile russo Kinzhal. In sottofondo si sente una voce – attribuita a un giornalista – esprimere esclamazioni e turpiloquio in inglese con una marcato accento statunitense. L’esplosione, però, è in realtà CGI (Computer-generated Imagery), e la voce è un livello audio aggiunto successivamente.

Per chi ha fretta:

  • La scena del video non è reale: l’esplosione è creata al computer e l’audio è stato aggiunto successivamente;
  • Il video è un TikTok del creator InsanePatient2.

Analisi

Questo è quello che si legge nella descrizione di uno dei post che condivide il video, che è stato riprodotto oltre 3 mila volte.

«Oh my God! La reazione esterrefatta del giornalista americano nel Donbass o Ucraina occ.. Il caso ha voluto che diventasse testimone del colpo preciso, inferto dal missile “Kinzhal” (“pugnale”) delle Forze Armate russe contro il deposito di armi e munizioni dell’esercito ucraino a una profondità di 136 metri. Nel video si sentono le esclamazioni attonite dell’americano, composte principalmente da interiezioni e parolacce in inglese…il testimone dell’esplosione è in stato di shock, ha sperimentato sensazioni indescrivibili… Solo un piccolo “assaggio”, anglosassoni! Procede la demilitarizzazione dell’Ucraina da parte della Russia … lasciando i cani abbaiare mentre la carovana va … Le Forze Armate russe avevano impiegato il micidiale missile ipersonico “Kinzhal” per la seconda volta il 18 marzo scorso nella regione di Ivano-frankovsk, Ucraina occidentale».

Il post Facebook di Marinella Mondaini, scrittrice italiana che vive a Mosca.

Nel video si vede un campo, con delle montagne sullo sfondo. Ad un certo punto, qualcosa cade dal cielo e genera prima una luce abbagliante, e poi un’enorme esplosione che rende persino difficile credere che il «giornalista» che sta filmando il video sia sopravvissuto.

Se è difficile credere che sia vero, è perché non lo è. Il video, visto oltre 42 milioni di volte, è reperibile tra i TikTok pubblicati dal creator Insanepatient2, e fa parte di una serie, per ora ferma a soli due episodi (uno qui – quello in esame – e un altro qui), chiamata «What if Russia started a nuclear war?» («Cosa [succederebbe] se la Russia iniziasse una guerra nucleare?»). Sono, quindi, per definizione, delle speculazioni in forma video. Si nota, inoltre, la presenza di una traccia audio aggiunta al video tramite l’applicazione del social network cinese.

Lo stesso campo è presente anche in un altro TikTok del creator.

Screenshot dell’altro video che usa come base il campo del TikTok in esame

InsanePatient2 è specializzato in questo tipo di contenuti, che popolano tutto il suo profilo TikTok. Nei video è presente un palese effetto grafico che è il suo marchio di fabbrica.

Screenshot del profilo di InsanePatient2

Nel suo linktree, il creator condivide con i curiosi anche la libreria digitale da cui prende gli effetti che usa.

Conclusioni:

Un video che circola su Facebook mostrerebbe l’esplosione causata dal missile russo Kinzhal. Tuttavia, l’esplosione, così come la voce fuori campo sono aggiunte successivamente per sensazionalizzarlo e pubblicarlo su TikTok. I filorussi hanno provato a usarlo per provare la forza di Mosca, ma è chiaro che la ripresa non sia originale.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: