Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Bufera social su Burioni: accusato di bodyshaming contro una sostenitrice della Lega, poi si scusa

Il virologo ha condiviso l’immagine profilo della ragazza con il commento: «Capisco». Poi il tweet: «Non era mia intenzione»

Bufera social su Roberto Burioni. Un suo tweet è stato tacciato di bodyshaming contro una sostenitrice della Lega. Tutto è nato quando quest’ultima si è schierata dalla parte del deputato leghista Alex Bazzaro, a seguito di una dichiarazione del parlamentare sulla quarta dose di vaccino. «Correrò il rischio concreto di non farla», ha detto Bazzaro. «Non posso credere che un irresponsabile disinformatore orgoglioso della sua purissima ignoranza come lei sia nello stesso partito di persone per bene come Luca Zaia e Massimiliano Fedriga», ha scritto Burioni. Qui la ragazza ha commentato dicendosi «orgogliosa» che nel partito che sostiene ci siano persone come Bazzaro. Burioni ha preso così la sua foto profilo, l’ha ingrandita e ha pubblicato il tweet di risposta scrivendo: «Capisco», secondo molti riferendosi al suo aspetto fisico. Il virologo poi ha cancellato il post e si è scusato: «Non era mia intenzione».


La condanna della Lega

Lo sdegno è arrivato anche da alcuni esponenti politici. Prima tra tutte Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia che lo aveva invitato a chiedere scusa. «A cosa alludi Burioni? Ha qualcosa di sbagliato quella foto?», ha scritto su Twitter. Anche Laura Ravetto, deputata della Lega nonché responsabile del dipartimento Pari Opportunità del partito, si è espressa in merito definendo il comportamento del virologo «becero e vergognoso». Non è mancato anche il commento del leader Matteo Salvini: «Capisci cosa? Che sei un uomo piccolo piccolo?», scrive su Twitter contro l’immunologo. I parlamentari del Carroccio in commissione Vigilanza Rai hanno condannato in una nota il gesto di Burioni e fatto sapere che avanzeranno un quesito in commissione per chiarire quali provvedimenti la Rai intende prendere.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: