Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Sudafrica, sparatoria in un bar di Soweto: 15 morti tra i 19 e i 35 anni – I video

Si indaga per capire se la strage sia legata a quella di Pietermaritzburg, la cui dinamica è molto simile

Sono 15 le persone morte nella sparatoria avvenuta la notte scorsa in un locale di Soweto, non lontano da Johannesburg, in Sudafrica: lo ha reso noto la polizia. Le vittime sono tutte giovani, di età compresa tra i 19 e i 35 anni. Sono 9 i feriti. Arriva quindi a 19 il totale delle vittime delle due sparatorie della notte passata nel Paese: 4 sono morti in un bar a Pietermaritzburg, città nell’est del Paese a circa 500km da Soweto. Le forze dell’ordine indagano sulla similitudine della dinamica delle due stragi, riporta l’Ansa. In entrambe le sparatorie i killer sembrano aver agito in maniera indiscriminata arrivando al locale con un automezzo, per poi ripartire subito dopo. «Non possiamo permettere che criminali violenti ci terrorizzino in questo modo», ha sancito il presidente del Paese Cyril Ramaphosa in un comunicato, definendo le morti «inaccettabili e inquietanti».


«Siamo stati chiamati poco dopo la mezzanotte», ha detto il tenente di polizia Elias Mawela. Al loro arrivo gli agenti hanno rilevato che 12 persone erano morte, ha aggiunto, e altre tre sono decedute successivamente per le ferite riportate. Stando a quanto riportato dal Guardian, gli autori degli spari sarebbero arrivati sulla scena del crimine a bordo di un «taxi minibus». Le tre persone gravemente ferite sarebbero state portate all’ospedale Chris Hani Baragwanath di Johannesburg.


La dinamica finora ricostruita

«Le prime indagini suggeriscono che le persone si stavano divertendo qui, in un bar autorizzato che lavorava nelle ore giuste», ha detto Mawela all’Associated Press. «All’improvviso hanno sentito degli spari, cioè quando la gente ha cercato di scappare dal locale. Al momento non conosciamo tutti i dettagli su quale fosse il motivo e perché stessero prendendo di mira queste persone», ha continuato Mawela. «Si può vedere che è stata utilizzata un’arma da fuoco di grosso calibro e che sparava in modo casuale. Ognuna di quelle persone si dimenava per cercare di uscire dal locale». Mawela ha aggiunto che secondo le testimonianze raccolte, i killer avrebbero «sparato a caso».

La testimonianza di un reporter su Twitter

Sul suo profilo Twitter il reporter Sicelo Hlanula Mkhize del canale di notizie sudafricano SABC News, ha postato un video dell’area attualmente sorvegliata nei pressi della quale sarebbe avvenuta la sparatoria. «Le vittime dovrebbero avere un’età compresa tra i 19 e i 35 anni», ha scritto il giornalista. Secondo quanto riportano i testimoni ai media locali, i responsabili, a volto coperto, sarebbero poi fuggiti su una Toyota Quantum.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: