Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Brutale aggressione a Milano, ragazzo di 17 anni pestato a sangue davanti alla Stazione Centrale – Il video

Dopo l’intervento della Polizia, la vittima del pestaggio è stata portata in ospedale. Fdi attacca Sala

Prima un calcio al volto. Poi un colpo con una bottiglia di vetro che si frantuma al suolo. E ancora altri calci, tutti tra il collo e la testa. È questa la sequenza ripresa da un passante e pubblicata sul gruppo Telegram legato alla pagina Instagram @Milanobelladadio, network che raccoglie dai social video e immagini del capoluogo lombardo, soprattutto di cronaca nera. Vittima dell’aggressione è un ragazzo di origini tunisine di 17 anni. L’episodio è avvenuto alle 20 del 22 luglio davanti alla Stazione Centrale. I militari dell’esercito, che hanno una presenza fissa sul piazzale, hanno chiamato la Polizia che è intervenuta insieme al 118. Il ragazzo è stato portato in codice verde al Pronto soccorso dove una prima diagnosi ha stabilito che non ha riportato lesioni gravi.


Ancora da chiarire i motivi all’origine dell’aggressione. All’inizio del video il ragazzo tunisino appare già ferito, ha il collo pieno di sangue. Secondo le informazioni raccolte fino a questo momento sarebbe stato vittima di una rapina, conclusa con uno scambio di insulti con le persone che si trovavano sul piazzale. Il video è subito finito al centro della campagna elettorale iniziata con la fine prematura del governo guidato da Mario Draghi. Nelle scorse ore è stato ripubblicato dal leader della Lega Matteo Salvini che ha commentato: «Tolleranza zero contro i delinquenti, dal 25 settembre torna la sicurezza, torna il coraggio». Anche Daniela Santanchè, senatrice di Fratelli d’Italia, ha diffuso le immagini: «I rinforzi servono ora, non entro fine anno come annunciato da Sala. FdI chiede più controlli e più sicurezza».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: