Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Adriano Pacifico, il cuoco modenese sparito per due settimane: «Sono tornato per nostalgia delle figlie: ora mi sento in colpa»

Il 32enne di Modena giudica comunque «bellissima» l’esperienza fatta lungo la Francia diretto verso il Cammino di Santiago. E nonostante il gran clamore scatenato con questo viaggio, sta già pensando al prossimo

Stop. Nel suo diario Adriano Pacifico annotava tutto quello che gli passava per la testa durante quel viaggio che lo avrebbe portato a intraprendere il Santiago di Compostela. Ma arrivato alla stazione di Narbonne, quasi al confine tra Francia e Spagna, gli era venuta in mente solo una parola: «Qualcosa è scattato in me: quella stazione significava casa», ha raccontato il cuoco di 32 anni al Quotidiano Nazionale. Da martedì 26 luglio Pacifico è di nuovo a Bastiglia, in provincia di Modena, con sua madre Grazia che era andata due volte in Francia per cercarlo. Si era rivolta anche a Chi l’ha visto?. Suo figlio era partito di casa il 3 luglio scorso in sella alla sua bicicletta con l’intenzione di percorrere il Cammino di Santiago. «Lo dovevo a me stesso», racconta Pacifico, «sono timido, pigro. Era una sfida per me. Sapevo che non sarebbe stato facile».


Grazia non aveva più notizie di lui dall’11 luglio, quando le aveva mandato un messaggio con il cellulare di un conoscente perché il suo si era rotto. Poi il silenzio. «Ho perso la nozione del tempo. Sentivo dentro di me di dover portare a termine il cammino, ma iniziava a farsi sentire la nostalgia di casa, delle mie due figlie». Stava tornando indietro quando una donna lo ha riconosciuto. Era in un treno, a Marsiglia: «Mi ha mostrato la mia foto sul cellulare, facendomi capire che tutti mi stavano cercando».


Pacifico racconta di non aver mai saputo degli sforzi fatti dalla madre per cercarlo, che la polizia stava ricostruendo il suo percorso in modo da poterlo rintracciare e che la sua famiglia era preoccupata per lui. Quando lo ha scoperto «mi sono sentito molto in colpa». Un’esperienza particolare quella del cuoco modenese, «bellissima» dice lui che già sta pensando di rimettersi in cammino con direzione ancora Santiago di Compostela.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: