Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La bozza del decreto Aiuti bis: meno tasse per i redditi fino a 35mila euro e welfare aziendale per le bollette di gas e luce

Il documento verrà discusso dalla Camera a settembre. Previsto anche un rifinanziamento del bonus psicologo e di quello per i trasporti

Non è ancora definitivo, ma il testo del decreto Aiuti dovrebbe arrivare domani, 4 agosto, sul tavolo del Consiglio dei ministri. Potrà essere ancora limato, ma i punti principali sono ormai stati decisi. Il testo finale verrà poi esaminato dalla Camera a partire dal 13 settembre. Il dl Aiuti bis punterà in particolare a tutelare le categorie più vulnerabili della popolazione per far fronte ai rincari delle bollette. Questa fascia di popolazione include le persone in condizioni economicamente svantaggiate, chi ha disabilità, tutti quelli con utenze nelle isole minori non interconnesse o ubicate in strutture di emergenza in seguito a calamità e gli over 75. Per loro, a partire da gennaio 2023, la fornitura di gas rifletterà «il costo effettivo di approvvigionamento nel mercato all’ingrosso».


Nella bozza del decreto è presente anche la voce che stabilisce che eventuali contributi promossi dalle aziende per «il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell’energia elettrica e del gas naturale» rientreranno nelle regole del welfare aziendale. Queste voci quindi non concorreranno alla formazione del reddito fino al limite di 516 euro per il 2022. Inoltre, ci sarà uno stop alle modifiche unilaterali dei contratti di fornitura di energia elettrica e gas naturale fino al 31 ottobre. Sarà possibile poi rateizzare le bollette, anche se non è ancora specificato in dettaglio. Per i lavoratori autonomi, verrà rifinanziato con altri 100 milioni di euro il Fondo per il sostegno del potere d’acquisto che passa così dai 500 milioni di euro del primo decreto a 600 milioni di euro.


Bonus, cuneo e pensioni

Sul tema bonus, l’indennità da 200 euro sarà estesa anche ai collaboratori sportivi. Verranno rifinanziati il bonus psicologo e quello trasporti. In particolare, per gli abbonamenti dei trasporti pubblici vengono stanziati 101 milioni oltre ai 79 milioni originari. Per il bonus psicologo la nuova cifra non è invece ancora specificata. Verrà, poi, ampliata la platea coinvolta dal taglio del cuneo ai redditi fino ai 35 mila euro. Una misura retroattiva a partire da luglio che vale 1,6 miliardi di euro. Le pensioni, invece, saranno rivalutate del 2 per cento da ottobre, tredicesima compresa. E sarà esteso di un mese, fino al 20 settembre 2022, il taglio delle accise sui carburanti.

Olimpiadi Milano-Cortina e Alitalia

Nel decreto Aiuti bis sono presenti anche le voci Olimpiadi invernali e Alitalia. Palazzo Chigi e le province autonome di Trento e Bolzano entreranno a far parte della governance di Milano-Cortina 2026. Nel decreto si parla anche di aerei. Per quanto riguarda i proventi della liquidazione di Alitalia, questi verranno calcolati al netto di una serie di voci, tra le quali compare il rimborso ai viaggiatori. «Ai titolari di titoli di viaggio, di voucher o analoghi titoli emessi dall’amministrazione straordinaria» andranno una parte dei proventi, mentre il resto sarà destinato agli «oneri di struttura» e al «soddisfacimento dei crediti verso lo Stato».

Nuove misure di intelligence

Non manca un riferimento alle misure di intelligence che gli 007 italiano potranno adottare in caso «di crisi o di emergenza a fronte di minacce che coinvolgono aspetti di sicurezza nazionale e non siano fronteggiabili solo con azioni di resilienza». Inoltre, il presidente del Consiglio dovrà informare il Copasir che trasmetterà «alle Camere una relazione sull’efficacia» delle nuove norme, entrate in vigore da 2 anni.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: