Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Blitz alla Cappella degli Scrovegni, gli ambientalisti si incatenano: portati via in manette – I video

«Giotto diede istruzione al genere umano su come salvarsi», hanno spiegato i protagonisti della protesta

Dopo gli Uffizi, il Museo del ‘900 di Milano e i musei Vaticani, due attivisti di Ultima Generazione si sono incatenati alla Cappella degli Scrovegni di Padova oggi, 21 agosto, per richiamare nuovamente all’attenzione la necessità di intraprendere azioni contro il cambiamento climatico. A manifestare sono Davide e Samuel, due studenti dell’università di Padova, che portano catene al bacino e un cartello con scritto «No gas No carbone». Ultima Generazione è diventata nota nell’ultimo periodo per i loro blitz d’impatto. Mesi fa si sedevano in mezzo alla strada bloccando il traffico del Grande Raccordo Anulare, causando l’ira dei guidatori, poi si sono incollati le mani sul vetro della Primavera di Botticelli agli Uffizi e a un’opera di Boccioni a Milano. Oggi, il Blitz ha riguardato il Giudizio Universale di Giotto. Non una scelta casuale.


ULTIMA GENERAZIONE \ Due attivisti si incatenano alla Cappella degli Scrovegni, 21 agosto 2022

Portati via in manette

«Nella sua meravigliosa opera – spiegano gli attivisti – ha cercato di dare istruzioni al genere umano su come vivere per salvarsi. Sul lato sinistro della narrativa raffigurò principi quali giustizia e coraggio, che indicano la strada verso la via dello spirito, mentre sulla destra dipinse i lati più oscuri del genere umano, come ira e invidia, che portano all’eterno malessere». Dopo circa mezz’ora, i due manifestanti sono stati portati via in manette dagli agenti di polizia. Ultima Generazione ha diffuso i video e ha ribadito il loro appello: «Chiediamo di interrompere immediatamente la riapertura delle centrali a carbone dismesse, cancellare il progetto di nuove trivellazioni per la ricerca ed estrazione di gas naturale, procedere a un incremento di energia solare ed eolica di almeno 20GW nell’anno corrente e creare migliaia di nuovi posti di lavoro nell’energia rinnovabile, aiutando gli operai dell’industria fossile a trovare impiego in mansioni più sostenibili».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: