Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«Viva le devianze»: l’hashtag di Letta contro Meloni per le dichiarazioni sui giovani. La leader Fdi: «Critica surreale» – Il video

Il botta e risposta tra il segretario del Pd e la presidente di Fdi a seguito di un video elettorale pubblicato da Meloni

«Se aprite internet e cliccate su Wikipedia trovate che le devianze sono comportamenti che violano le norme». Così Giorgia Meloni risponde a Enrico Letta che ha lanciato su Twitter l’hashtag #VivaLeDevianze, a seguito del video in cui la leader di Fdi cita il diritto allo sport come investimento per i giovani contro le devianze. Citando poi Adoloescenti.it, aggiunge: «Le devianze si manifestano con atteggiamenti di natura oppositiva, come disobbedire o mentire, la violazione della legge, l’uso e l’abuso di sostanze stupefacenti». Per Meloni, le parole del segretario dem sono solo una critica «surreale». Conclude così con tono stupito e interrogatorio: «Enrico Letta, viva le devianze?!».


Il botta e risposta tra Meloni e Letta nasce da un video di campagna elettorale in cui la leader di Fdi aveva sottolineato la necessità di investire su sport e giovani dicendo: «Dobbiamo coltivare il talento, combattere le droghe e le devianze, crescere generazioni di nuovi italiani sani e determinati, carichi di quei valori che solo lo sport può dare».


Letta, in un’intervista a Radio Popolare, aveva commentato le dichiarazioni di Meloni dicendo: «Evviva le devianze, la forza delle società è data dalla ricchezza delle diversità». E ancora: «Due idee dell’Italia si confronteranno il 25 settembre: la nostra basata sulla libertà delle persone, una società che cerca di includere, crea lavoro e lotta contro le precarietà, l’altra è una società che va per le spicce, dove presunte maggioranze vogliono imporre regole a tutti». Fratelli d’Italia poi, in un post su Facebook, ha elencato quali sarebbero le devianze giovanili prioritarie: «Droga, alcolismo, tabagismo, ludopatia, autolesionismo, disturbi alimentari, baby gang e hikikomori».

Continua a leggere su Open

Leggi anche: