Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Covid, la Cina approva il primo vaccino inalabile al mondo

Pechino sta cercando in tutti i modi di aumentare il tasso di vaccinazione della popolazione, specialmente nelle fasce più anziane. L’Oms considera il farmaco valido in casi di emergenza

La Cina è diventata il primo Paese al mondo ad approvare un vaccino per il Covid che si assume per inalazione. Pechino quindi spiana la strada alle vaccinazioni senza iniezioni nella speranza di riuscire a convincere ampie fasce della popolazione a farsi somministrare la dose booster, l’unica opzione – al momento – per la quale il farmaco può essere utilizzato. La notizia è stata diffusa dalla casa farmaceutica produttrice CanSino Biologics che in una nota ha reso noto che l’ente farmaceutico cinese ha approvato il farmaco. Il vaccino – chiamato Convidencia Air – non si inalala dal naso, bensì dalla bocca. Il liquido viene nebulizzato assieme a un piccolo getto d’aria. Il vaccino non è stato approvato dall’Ema o dalla Fda statunitense, ma l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha indicato come sicuro un suo uso in casi di emergenza.


L’uso come booster

Ci sono ancora alcuni passaggi regolatori che il vaccino dovrà affrontare. Una volta completati, quello di CanSino diventerà il decimo vaccino sul mercato cinese, spiega la Cnn. La casa farmaceutica produttrice non ha indicato le percentuali di protezione fornite dal farmaco. Il Convidencia Air è un vaccino simile a quello di Johnson&Johnson e AstraZeneca, ma il rafforzamento della protezione funziona anche sul Covac della casa farmaceutica pechinese Sinovac, molto diffuso in Cina.


I lockdown in Cina

Quello di CanSino non è l’unico vaccino inalabile ad aver raggiunto (e in questo caso superato) i test clinici. L’approvazione è arrivata mentre più di 70 città cinesi stanno imponendo nuovi lockdown nel tentativo di mantenere la politica zero-Covid in seguito a nuovi aumenti nei contagi. Al momento oltre 300 milioni di cittadini cinesi si trovano chiusi in casa. Nello specifico, Pechino si trova fare fronte a un tasso di vaccinazione particolarmente basso tra i più anziani.

Immagine di copertina: PBS News Hour

Continua a leggere su Open

Leggi anche: