Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Pnrr, la Commissione europea approva la seconda tranche da 21 miliardi di euro. Von der Leyen raddrizza il tiro: «Italia, siamo al vostro fianco»

Raggiunti i 45 obiettivi previsti per la prima metà del 2022. Gentiloni: «Fondamentale onorare gli impegni rimanenti»

La seconda tranche da 21 miliardi di euro prevista dal NextGenerationEU per l’attuazione del Pnrr è stata approvata. Roma ha raggiunto «tutti i 45 obiettivi» previsti per il primo semestre del 2022 e «la messa in opera degli investimenti sta entrando nella sua fase di pieno svolgimento», spiegano dalla Commissione europea. I complimenti arrivano anche dalla presidente dell’istituzione con sede a Bruxelles, Ursula von der Leyen, che si è congratulata con l’Italia perché «sta dimostrando un continuo e importante impulso alle riforme in settori chiave» e ne approfitta per rinnovare il proprio supporto al Paese: «La Commissione è al vostro fianco». Probabilmente un segnale dopo il discorso precedente al voto, in cui aveva parlato dell’esistenza di strumenti come le sanzioni se i rapporti diventano «difficili», da più parte considerato una gaffe istituzionale.


Obiettivi raggiunti e impegni da onorare

Per il Commissario europeo per l’Economia, Paolo Gentiloni, il Pnrr è «un’opportunità unica per costruire un’economia più competitiva e sostenibile e una società più equa». Per questo motivo, il prossimo governo dovrà fare ogni sforzo per coglierla: «È fondamentale onorare gli impegni rimanenti per realizzare il cambiamento strutturale necessario per indirizzare l’economia italiana su un percorso di crescita forte e duratura». L’approvazione della seconda tranche arriva dopo che lo scorso 28 giugno l’Italia ha presentato la richiesta del pagamento in base a quei 45 obiettivi raggiunti. I fondi finora sono stati investiti in alcuni «settori chiave, come la banda ultra larga e il 5G, la ricerca e l’innovazione, il turismo e la cultura, l’idrogeno, la rigenerazione urbana e la digitalizzazione delle scuole», spiega in una nota la Commissione. Senza dimenticare il sostegno alla riforma del sistema giudiziario. Entro 4 settimane, un mese circa, arriverà il parere del Comitato economico e finanziario elaborato in base alla valutazione preliminare di Bruxelles, con il quale si determinerà la decisione finale sull’erogazione dei 21 miliardi.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: