Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La Russia dice di aver arrestato i responsabili dell’attentato al ponte di Kerch in Crimea

I servizi segreti accusano l’intelligence ucraina

I servizi segreti della Russia hanno annunciato di aver arrestato otto persone per le esplosioni che hanno danneggiato il ponte di Kerch in Crimea. Si tratta di cinque cittadini della Federazione Russa e tre dell’Ucraina dell’Armenia. L’FSB ha affermato che l’esplosione l’ha organizzata dalla direzione principale dell’intelligence del ministero della Difesa ucraino e il suo direttore Kyrylo Budanov. L’agenzia governativa Ria Novosti dice che i terroristi hanno nascosto l’ordigno esplosivo in rotoli con pellicola di polietilene su 22 pallet per un peso totale di oltre 22 tonnellate. Ed è stato inviato dal porto di Odessa alla città della Bulgaria Ruse all’inizio di agosto. La spedizione è stata organizzata in base a un contratto del 2 agosto scorso tra Translogistics UA (Kiev) e Baltex Capital (Ruse). Nell’attentato sono stati usati 22.770 kg di esplosivo.


22 pallet di esplosivo

L’agenzia pubblica alcune foto con data di nascita dei presunti autori. Nei giorni scorsi la Russia aveva fatto sapere che aveva stabilito il percorso del camion dove è avvenuta l’esplosione: «È passato da BulgariaGeorgiaArmeniaOssezia del NordKrasnodar. I vettori sono stati identificati. Con l’aiuto degli ufficiali operativi dell’FSB siamo riusciti a identificare i sospetti di tra coloro che avrebbero potuto preparare un attacco terroristico». Il canale Telegram Mash, considerato vicino agli 007 russi, ha ricostruito il presunto percorso del camion. Il truck era a Krasnodar, il 22 è stato controllato dalla polizia stradale a Tsukerova Balka. Il 7 ottobre si trovava nelle regioni di Kanevsky e Poltava. Poi un buio di sei ore. La ricostruzione successiva dei servizi segreti russi dice che tre ucraini, due georgiani e un cittadino armeno hanno organizzato la consegna di esplosivi dalla Bulgaria prima alla Georgia e poi all’Armenia. Secondo i servizi russi, inoltre, un altro cittadino ucraino e cinque russi identificati avevano preparato falsi documenti per una società inesistente in Crimea per ricevere gli esplosivi. L’intelligence russa (Fsb) sostiene anche di aver sventato un attacco terroristico dei servizi speciali ucraini. Aveva per obiettivo in un terminale logistico nella città russa di Bryansk. Il servizio segreto ha arrestato un cittadino ucraino. Secondo la ricostruzione russa un cittadino ucraino che ha detto di chiamarsi Ivan Ivanovic ha monitorato l’operazione per i servizi segreti di Kiev.


La reazione dell’Ucraina

Il portavoce della direzione principale dell’intelligence militare ucraina, Andrei Yusov, ha bollato come “sciocchezze” le accuse mosse dai servizi segreti e dagli inquirenti russi. Mosca dice che la mente dell’attentato al ponte di Kerch, in Crimea, è il capo degli 007 del ministero della Difesa ucraino Kirill Budanov.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: