Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Caro-bollette, Antitrust e Arera avvertono le imprese sulle modifiche illegali dei contratti

Le autorità garanti si dicono pronte a intervenire in caso di «condotte lesive»

Le imprese non possono modificare unilateralmente il contratto di luce e gas. Lo prevede l’articolo 3 del Dl Aiuti Bis, che in questo modo cerca di tutelare le famiglie alle prese con il caro-bollette almeno fino al 30 aprile 2023. Tuttavia, diverse segnalazioni arrivate alle autorità garanti sostengono che alcuni operatori starebbero modificando le condizioni economiche dei contratti senza interpellare i propri clienti. Per questo motivo, Antitrust e Arera (l’autorità di regolazione per energia, reti e ambiente) stanno invitando le imprese a rispettare le nuove regole.


La posizione di Antitrust e Arera

Ancora non è stato preso nessun provvedimento. Antitrust confida che le imprese del settore si manterranno conformi alle nuove disposizioni, tuttavia, spiega il presidente Roberto Rustichelli, «è pronta a intervenire qualora venissero adottate condotte lesive dei diritti dei consumatori e degli assetti del mercato». Più dura la posizione di Arera, che attraverso le parole del presidente Stefano Besseghini invita gli operatori a «non sfruttare asimmetrie», assicurando che «non mancherà una precisa azione di enforcement che sarà tanto più efficace tanto più questi basilari principi verranno rispettati».


Come possono cambiare i contratti

Le variazioni unilaterali non sono permesse, ma le evoluzioni automatiche sì. Sempre se queste erano già previste nei contratti e sottoscritte da entrambe parti. Per quanto riguarda le proposte di rinegoziazione per eccessiva onerosità, invece, le autorità spiegano che possono essere presentate, ma non portare in automatico alla risoluzione contrattuale se non accettate. Non è vietato nemmeno il recesso del contratto, ma non può essere immediato: il tempo previsto per il preavviso è di almeno 6 mesi. Infine, il rinnovo delle condizioni economiche delle cosiddette “offerte PLACET“, quelle che non prevedono la fornitura congiunta di energia e gas, deve rispettare la prevista periodicità, cioè può avvenire ogni 12 mesi alla sua scadenza.

Le associazioni dei consumatori

Per il momento, quanto fatto da Antitrust e Arera sembra soddisfare le associazioni dei consumatori che avevano denunciato casi di elusione delle regole dovuti «all’enorme confusione» nell’applicazione del decreto. Stando alle testimonianze raccolte, l’Unione nazionale consumatori spiega come alcuni operatori stanno invitando «il consumatore a sottoscrivere un nuovo contratto, avvisandolo che, in mancanza, il vecchio contratto verrà cessato e, di conseguenza, passerà per la luce al Servizio di maggior tutela e per il gas al Fornitore di ultima istanza, notoriamente più caro». Il Codacons si dice pronto a presentare «una valanga di cause contro le società responsabili».

Continua a leggere su Open

Leggi anche: