Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Il mistero del drone sopra l’impianto per il gas di Kårstø in Norvegia: fermato un 50enne russo

Intanto la Russia pensa a un progetto che andrebbe a sostituire il NordStream: un gasdotto che passa per la Turchia

Un drone è stato avvistato mentre sorvolava l’impianto di trattamento del gas di Kårstø, nel sud-ovest della Norvegia. Poche ore più tardi, a Storskog, al confine con la Russia, un uomo di 50 anni è stato fermato con l’accusa di aver violato le sanzioni norvegesi introdotte in seguito all’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio. Come riporta Nrk, si tratta di un cittadino russo che avrebbe già ammesso di aver fatto volare un drone sul territorio norvegese, violando quindi i protocolli di sicurezza. La polizia di frontiera ha trovato nel suo zaino anche diverse unità di archiviazione. Nei giorni scorsi, altre segnalazioni erano arrivate da altri impianti di gas norvegesi, come quello di Melkøya Gnl, Dopo quanto accaduto agli impianti Nord Stream, la guardia nazionale norvegese è stata spostata a Kårstø e agli altri impianti di esportazione di energia. Considerati sempre più infrastrutture critiche, visto che con i tagli dei rifornimenti russi la Norvegia è diventato il principale esportatore di gas d’Europa.


L’ipotesi turca

In seguito al danneggiamento dei gasdotti NordStream 1 e NordStream2, il ceo di Gazprom, Aleksej Miller, ha detto che «per ripristinare il lavoro dopo un tale atto terroristico, è necessario tagliare un pezzo di tubo molto grande e costruire una nuova sezione». Dal canale televisivo di stato russo One, ha avvertito che una riparazione di questo tipo potrebbe richiedere più di un anno di lavoro. Per questo motivo, anche secondo Vladimir Putin, la strada migliore per riprendere le forniture di gas in Europa è quella che passa per la Turchia. Lo stesso Miller ha confermato che dalla prossima settimana la Russia inizierà colloqui «concreti» per un progetto parallelo al già attivo TurkStream. Si tratterebbe di un impianto che, passando per il Mar Nero, potrebbe portare 63 miliardi di metri cubi di gas all’anno.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: