Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Norvegia, arrestato anche il figlio di un fedelissimo di Putin: è il settimo russo scoperto con un drone

Le indagini sui velivoli sono passate sotto la competenza dell’intelligence norvegese

Continuano gli arresti da parte della polizia di Oslo nei confronti di cittadini russi che sarebbero stati scoperti a pilotare droni nei pressi degli aeroporti norvegesi e a fotografare illegalmente luoghi considerati sensibili. L’ultimo oggi, giovedì 20 ottobre, quando le autorità norvegesi hanno arrestato un uomo di 47 anni di doppia nazionalità russo-britannica con l’accusa di aver pilotato illegalmente un drone nell’arcipelago artico dello Svalbard. L’uomo in questione è Andrey Yakunin e si tratterebbe del figlio dell’ex capo delle ferrovie russe Vladimir Yakunin, considerato vicino al presidente russo Vladimir Putin. Il suo team legale ha fatto sapere a Open che Yakunin stava utilizzando il drone «a scopo ricreativo durante il suo viaggio di vacanza alle isole Svalbard alla fine di agosto». «Non ha ammesso – continuano gli avvocati – di essere colpevole e non è stato incriminato. Andrey è appassionato di natura, fotografia e sport estremi, come si evince dalla sua attività sui social media». Il 47enne sta collaborando, ora, con le autorità per fornire ulteriori dettagli sulla vicenda. «Andrey, cittadino britannico, sta collaborando pienamente con le autorità per fornire tutte le informazioni necessarie sulle normali attività turistiche della sua vacanza in barca. Ci auguriamo che la polizia chiuda le indagini molto presto», ha concluso. Il suo arresto segue quello – avvenuto il 14 ottobre scorso – di un uomo russo di 50 anni che stava pilotando un drone sopra l’impianto del gas di Kårstø, nel sud-ovest della Norvegia, violando così i protocolli di sicurezza norvegesi, introdotti in seguito all’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio. Dopo di lui, a finire in manette sono stati anche quattro trentenni, tre uomini e una donna, fermati nel Nord della Norvegia con l’accusa di aver fatto foto e video in luoghi vietati


Le indagini sui droni passano ai servizi di sicurezza norvegesi

L’intelligence norvegese vuole andare a fondo sugli avvistamenti di droni nei cieli della Norvegia, che hanno portato anche alla chiusura per alcune ore di due aeroporti. «Le indagini passeranno sotto la nostra competenza per fare un quadro completo della situazione», ha dichiarato Hedvig Moe, la direttrice dei servizi di intelligence norvegesi. L’obiettivo, per i servizi segreti del Paese, è capire a quale scopo vengono utilizzati i droni, avvistati in questi giorni mentre sorvolavano alcune infrastrutture chiave del Paese. «Possono essere usati – spiega Moe – per attività di spionaggio o per spargere paura e incertezza su, tra le altre cose, la capacita della Norvegia di fornire gas all’Europa».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: