Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Lecce, pugni e schiaffi all’ex fidanzata per un «mi piace» sui social: 19enne indagato per lesioni e stalking

Sarebbe solo uno dei tanti soprusi commessi dal giovane nei confronti della ragazza, da sempre vittima di minacce, imposizioni e violenze dell’ex

Un 19enne di Tricase, in provincia di Lecce, è accusato di lesioni e stalking ai danni della sua ex fidanzata di 18 anni dopo che l’ha colpita con pugni e schiaffi e trascinata per i capelli fuori dalla propria abitazione. Il motivo dietro questo specifico episodio violento sarebbe stato il «mi piace» sui social di un ragazzo a una foto della sua ex. È successo lo scorso 17 ottobre e, stando alle accuse, sarebbe solo uno dei tanti soprusi che la vittima avrebbe subito dal 19enne. Intanto, per quest’ultimo è stato disposto il divieto di avvicinamento dal giudice Angelo Zizzari, di fronte al quale ieri, 28 ottobre, l’accusato si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio di garanzia. Secondo quanto si apprende, il ragazzo è sempre stato altamente possessivo e violento sia durante che dopo la relazione con la ragazza.


Finita la relazione, l’incubo continuava

Il Corriere riferisce che in passato l’accusato sarebbe arrivato al punto di costringere la giovane a stare sempre al suo fianco, arrivando anche ad imporle di lasciare il lavoro, qualora non l’avesse svolto insieme a lui nonché a minacciare il datore stesso di dare fuoco al locale. Lecce Today spiega che quando i due erano fidanzati la ragazza doveva rispettare il divieto di uscire imposto da lui. Se sfuggiva alla regola, le distruggeva il cellulare, la picchiava e le sputava in volto. Il giovane le avrebbe anche chiesto dei soldi con atteggiamenti manipolatori. Terminata la relazione, l’incubo è però continuato: minacce, stalking e appostamenti sotto casa documentati da foto inviate all’ex fidanzata via whatsapp. Un tunnel di vessazioni fino all’episodio del 17 ottobre, quando le ha provocato lesioni giudicate guaribili in sette giorni.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: