Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Molestie in tv, Sonia Grey contro Franco Di Mare: «Ero in imbarazzo ma provavo a sdrammatizzare»

L’ex conduttrice di Unomattina smentisce la versione dell’attuale direttore di Rai 3 dopo il servizio di Striscia la notizia

«Mi sono stancata di questa ricostruzione distorta e mistificata dei rapporti fra me e Franco Di Mare e per questo ho già interessato il mio legale per decidere come procedere». A parlare, attraverso i suoi profili social, è Sonia Grey. La conduttrice si riferisce a quanto affermato dal suo ex collega di Unomattina, incalzato nei giorni scorsi da Striscia la notizia. Il tg satirico di Canale 5 ha trovato dei video del 2004 in cui l’attuale direttore di Rai 3 dà una pizzico sul fondoschiena alla collega. «Con l’inviato ridemmo insieme delle molestie che Sonia mi faceva ogni mattina, in risposta alle quali un giorno io le restituii la cortesia», si è difeso il giornalista, annunciando una querela nei confronti del programma, «era un banale scherzo tra colleghi». Anche Sonia ha ricevuto la visita dell’inviato di Striscia, al quale ha raccontato la sua versione.


«Il signor Di Mare non ha argomentazioni migliori da portare – la sua replica – in trent’anni di televisione si è mai sentito che Sonia Grey ha il vizietto di molestare qualcuno?». La conduttrice spiega come sono andate le cose: «Sono stanca, ho sempre cercato con Franco di fare buon viso a cattivo gioco per il ruolo che ha avuto. Io ero una donna di spettacolo appena arrivata in Rai, lui il direttore, il giornalista di guerra, tutti gli agganci ai piani alti. Provavo imbarazzo e cercavo di sdrammatizzare: subivo questa cosa di Franco davanti a tutti». Grey avrebbe fatto «buon viso a cattivo gioco» per alcuni comportamenti del giornalista, di cui è tornata a parlare dopo 18 anni: «Ne parlo ora perché adesso sono uscita da quel contesto, mi occupo di altre cose, sono in un’altra posizione. Sono stufa che questo signore continui a tirarmi in ballo. E poi perché non si fa».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: