Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Shireen Abu Akleh, l’Fbi apre un’indagine sulla reporter di Al Jazeera uccisa in Cisgiordania

Lo riferiscono cinque fonti al sito americano Axios. Il ministro della Difesa israeliano ha affermato che Israele non collaborerà

L’Fbi ha aperto un’indagine sulla morte della giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh, uccisa lo scorso 11 maggio mentre documentava gli scontri tra esercito israeliano e miliziani palestinesi nel campo profughi di Jenin, in Cisgiordania. A riferirlo sono cinque fonti informate al sito statunitense Axios secondo cui il dipartimento di giustizia americana avrebbe informato il ministro della Giustizia israeliano dell’apertura del fascicolo da parte dell’agenzia governativa di polizia federale degli Stati Uniti. Tempestiva la risposta di Israele che tramite il ministro della Difesa Benny Gantz ha dichiarato che «non coopererà», definendo – inoltre – l’indagine «un grave errore». «L’Israel defence forces ha condotto un’indagine professionale e indipendente, che è stata presentata ai funzionari americani con i quali sono stati condivisi i dettagli», ha scritto Gantz su Twitter. E poi ancora: «Ho chiarito ai rappresentanti americani che sosteniamo i soldati dell’IDF, che non collaboreremo con alcuna indagine esterna e non permetteremo interferenze negli affari interni di Israele».


Il 5 settembre scorso l’esito dell’inchiesta portata avanti dall’Israel defence forces sull’uccisione della reporter aveva messo in luce la possibilità che Shireen Abu Akleh «sia stata colpita accidentalmente» da spari dell’esercito israeliano. Anche se, si leggeva nell’indagine dell’Idf, non era «stato possibile determinare in modo certo la provenienza» dei colpi. Mentre a fine giugno l’inchiesta delle Nazioni Unite, insieme alle diverse analisi giornalistiche, inclusa quella del New York Times, erano arrivate alla conclusione che la reporter di Al Jazeera fosse stata uccisa dai colpi esplosi dalle forze di sicurezza israeliane. Le ricostruzioni giornalistiche avevano insistito sul fatto che nell’area in cui è morta Abu Akleh era presente un’unità israeliana che includeva alcuni militari di élite.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: