Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

No! Questo cantante con il lancia razzi non è il Presidente ucraino Zelensky

Gli utenti scambiano Zelensky con un uomo che lo interpreta in chiave “satirica”

Circola il video di un set musicale dove un uomo vestito da militare ucraino canta con in mano un lancia missile. La clip è sgranata, un problema dovuto alla pessima qualità della condivisione, rendendo il volto dell’uomo non propriamente visibile. Tuttavia, secondo gli utenti che lo condividono si tratterebbe del Presidente ucraino Zelensky.

Per chi ha fretta

  • Secondo gli utenti l’uomo del video sarebbe Zelensky.
  • C’è una certa somiglianza, ma il video è di qualità scadente.
  • Un video ad alta risoluzione pubblicato su TikTok rivela il volto dell’uomo: un “sosia” che lo interpreta in chiave “satirica”.

Analisi

Ci segnalano un post Facebook, pubblicato il 9 novembre 2022 nel gruppo “Italiani incazzati, basta subire”, nel quale l’autore condivide un video in cui verrebbe ripreso Zelensky:

Nei commenti, l’autore del post risponde alla domanda di un utente confermandogli la sua convinzione che l’uomo ripreso sia il Presidente ucraino.

Nei giorni successivi, il video è circolato anche via Twitter: «Let’s check in on Zelensky who is in the midst of a horrific battle for his life and the lives of all Ukrainians» scrive l’utente @Xx17965797N.

Il video musicale di un “sosia”

Riscontriamo lo stesso video pubblicato su TikTok dall’account @makskomikadze.

Visionando il profilo TikTok, scopriamo che l’utente si diverte a interpretare Zelensky in svariate occasioni:

“Mark Skomikadze”, come pare chiamarsi il personaggio che interpreta Zelensky, è presente anche su Youtube dove troviamo un video con le stesse scenografie di quello diffuso tramite TikTok, Facebook e Twitter.

Conclusioni

L’uomo ripreso nel video musicale non è affatto Zelensky. Si tratta di un personaggio che lo interpreta in chiave “satirica”.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: