In Francia preservativi gratis ai giovani dal 1° gennaio, l’annuncio di Macron: chi ne avrà diritto

«Si tratta di una piccola rivoluzione per la prevenzione», ha detto il presidente francese in occasione di un ciclo del cosiddetto Consiglio Nazionale della Rifondazione

Preservativi gratuiti nelle farmacie della Francia a partire dal 2023. È questo il nuovo provvedimento annunciato dal presidente francese Emmanuel Macron in occasione di un ciclo del cosiddetto Consiglio Nazionale della Rifondazione (Cnr), consacrato alla salute dei giovani a Fontaine-le-Comte, vicino Poitiers. La misura in vigore dal primo gennaio del prossimo anno sarà indirizzata ai giovani con un’età compresa tra i 18 e i 25 anni. «In farmacia il preservativo sarà gratuito per chi ha 18/25 anni. Comincerà dal primo gennaio», ha detto l’inquilino dell’Eliseo, definendo – infine – la proposta come «una piccola rivoluzione nella prevenzione». A inizio settembre del 2021 il ministro della Salute francese Olivier Véran aveva annunciato la contraccezione ormonale gratuita non solo per le minorenni ma anche per le donne fino ai 25 anni, aumentando – di fatto – il limite d’età.


Il piano per le vaccinazioni per il papilloma virus

Il piano francese per rendere gratuiti i profilattici per i maggiorenni sotto i 25 anni riguarda le confezioni da 6, 12 e 24 condom che saranno disponibili nelle farmacie. Già dal 10 dicembre 2018, il servizio sanitario nazionale francese permette di rimborsare le spese relative ai contraccettivi su prescrizione medica. Quello della «salute sessuale» dei giovani è stato definito da Macron «un vero tema» da prendere in seria considerazione. A questa iniziativa, l’Eliseo punta a spingere anche su una maggiore informazione tra i ragazzi a proposito della vaccinazione contro le infezioni da papilloma virus: «È un enorme lavoro di informazione – ha aggiunto il presidente francese – bisogna farlo nelle scuole, bisogna moltiplicare gli sforzi e lo faremo». Macron non ha escluso l’ipotesi di rendere obbligatoria la vaccinazione, non appena si avranno «le giuste raccomandazioni scientifiche».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: