No! Il World Economic Forum non considera la pedofilia un modo di salvare l’umanità

La storia si basa su un tweet mai pubblicato dal WEF

Come si può «salvare l’umanità»? «Scatenando i pedofili». Due affermazioni attribuite al World Economic Forum da un articolo diffuso sul sito Internet Newspunch, noto per la pubblicazione di articoli infondati, il quale riporta un fantomatico tweet dell’organizzazione nel quale si leggerebbe la frase «age gap love laws violate human rights» (ovvero: «Le leggi contro la differenza d’età in amore violano i diritti umani»), seguita dall’emoji di un arcobaleno. Non ci è voluto molto prima che la presunta dichiarazione si diffondesse su Facebook. In realtà, però, nell’affermazione non c’è nulla di verificato.

Per chi ha fretta:

  • Si sostiene che il WEF abbia espresso un endorsement alla pedofilia.
  • Il presunto tweet del WEF a sostegno della loro tesi non esiste, così come non esiste la citazione che attribuiscono a Klaus Schwab.
  • Il Forum ha smentito categoricamente la veridicità della vicenda.
  • Il sito che ha inizialmente diffuso la bufala dichiara di non assumersi responsabilità circa l’accuratezza delle informazioni che riporta.

Analisi

Diversi post su Facebook riprendono la notizia. In uno di questi, appare la seguente descrizione.

QUESTI SONO TOTALMENTE PAZZI CRIMINALI!! Ci si deve ribellare, non è accettabile! Esiste un limite che non si può e non si deve oltrepassare. Il World Economic Forum Dichiara Che I Pedofili “Salvano L’umanità”.

Altri commenti a post che riprendono la falsa dichiarazione sono:

«Il World Economic Forum afferma che i pedofili “salveranno l’umanità”. Il World Economic Forum chiede ora la depenalizzazione del sesso con i bambini, sostenendo che le leggi contro “l’amore tra i secoli”, meglio noto come pedofilia, “violano i diritti umani”. Secondo Klaus Schwab, il cui World Economic Forum ha affermato che i pedofili vengono creati dalla natura in numero crescente per una ragione specifica, l’epidemia di pedofilia che ha colpito il mondo non è in realtà un flagello, ma “un dono della natura” per l’umanità. Secondo uno studio presentato al WEF di Davos, il fenomeno della pedofilia è il tentativo della natura di ripulire la terra e “salvare l’umanità” da se stessa. Secondo i dati accademici, i pedofili hanno molte meno probabilità di produrre un gran numero di figli, e le cosiddette “persone minorenni” con le quali hanno una cosiddetta “relazione” hanno statisticamente meno probabilità di diventare capi di famiglie numerose. Questo fa appello al WEF e alla sua visione della distruzione della famiglia e dello spopolamento della terra. Il WEF, che ha ordinato ai media mainstream di iniziare a spingere la narrazione, vuole introdurre una politica internazionale che richiederà alla maggior parte dei paesi di depenalizzare o almeno allentare le loro leggi anti-pedofilia. Il New York Times, sempre in prima linea nell’agenda globalista, ha pubblicato un articolo in cui sostiene che la pedofilia non è un crimine. Secondo il Times, le tutele dei diritti civili dovrebbero essere estese ai pedofili. “Senza protezione legale, un pedofilo non può rischiare di cercare cure o rivelare il proprio status a chiunque per il supporto”. Per non essere da meno, la CNN ha risposto con un articolo affermando che i pedofili non sono “mostri” o “deviati sociali che vivono nell’ombra”. Secondo la CNN, è tempo che la società aggiorni la sua immagine dei pedofili».

E anche:

«Il World Economic Forum sta ora chiedendo la depenalizzazione del sesso con i bambini, sostenendo che le leggi contro “l’amore per il divario di età”, più comunemente noto come pedofilia, “violano i diritti umani. Piuttosto che essere un flagello, l’epidemia di pedofilia che sta investendo il mondo è in realtà “un dono della natura” per l’umanità, secondo Klaus Schwab, il cui World Economic Forum ha dichiarato che i pedofili vengono creati dalla natura in numero sempre maggiore per una ragione. Ha reso FACILE il risveglio delle persone normali. Covid, vaq/mRNA, agenda gay/trans, spopolamento, chip-tracker, controllo del clima, pedofilia, satanismo, traffico di esseri umani: tutto si collega. La vecchia energia è stata installata molto tempo fa. Siamo nella fase finale in cui deve mostrarsi per TUTTA la visualizzazione pubblica».

A riprendere la presunta notizia è stato anche un sito dal nome eloquente: Green Pass News. Nel quale si legge, come su Newspunch, che il fondatore del WEF, Klaus Schwab avrebbe definito la pedofilia «un dono della natura». Ricercando il tweet «age gap love laws violate human rights», non si trova riscontro della sua esistenza. Infatti, come confermato ad Associated Press da Yann Zopf, capo della sezione media del Forum, l’intera vicenda è completamente inventata. «Posso confermare che il World Economic Forum non ha mai fatto affermazioni del genere e non ha mai prodotto simili documenti», ha dichiarato Zopf, specificando che anche la citazione attribuita a Schwab è stata inventata.

Ad ulteriore conferma della falsità della notizia, si trova un passaggio dei termini d’uso di Newspunch. Nella pagina si legge:

News Punch, LLC and/or its suppliers make no representations about the suitability, reliability, availability, timeliness, and accuracy of the information, software, products, services and related graphics contained on the site for any purpose

Ovvero, in italiano: «News Punch, LLC e/o i suoi fornitori non rilasciano alcuna dichiarazione circa l’idoneità, l’affidabilità, la disponibilità, la tempestività e l’accuratezza delle informazioni, del software, dei prodotti, dei servizi e della relativa grafica contenuti nel sito per qualsiasi scopo»

Conclusioni:

Circola la fantomatica notizia che il WEF si sia schierato apertamente a favore della pedofilia e che la consideri un modo di «salvare l’umanità». Tuttavia, come prevedibile, nella vicenda non c’è nulla di vero.

Questo articolo contribuisce a un progetto di Facebook per combattere le notizie false e la disinformazione nelle sue piattaforme social. Leggi qui per maggiori informazioni sulla nostra partnership con Facebook.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: