Germania, arrestati i sovversivi che volevano rapire il ministro della Salute. «Miravano a rovesciare il governo e la democrazia»

I cinque arrestati, due uomini e una donna, sono accusati di aver «fondato un gruppo terroristico, preparato un “atto di tradimento” contro il governo tedesco, nonché aver violato le leggi sul possesso di armi»

In Germania cinque persone facenti parte di un gruppo di estrema destra sono state arrestate per aver pianificato di rovesciare il governo e rapire il ministro della salute, Karl Lauterbach. Il politico venne messo nel mirino a partire da gennaio 2022 a causa delle misure anti-Covid adottate dal governo tedesco per arginare la pandemia. I cinque arrestati, due uomini e una donna, sono accusati – spiega il procuratore federale – di aver «fondato un gruppo terroristico, preparato un “atto di tradimento” contro il governo tedesco, nonché aver violato le leggi sul possesso di armi». Il gruppo di estrema destra «mirava a preparare il terreno affinché si creassero condizioni simili a una guerra civile in Germania con l’obiettivo, tra le altre cose, di rovesciare il governo e la democrazia parlamentare», si legge nella nota dei pubblici ministeri. L’ideologia del gruppo, si apprende, era “plasmata” dall’unica donna del raggruppamento – identificata solo con il nome di Elisabeth R – e incentrata sulla convinzione che il moderno Stato tedesco non sia legittimo, al contrario dell’impero tedesco del 19° secolo definito dagli stessi come il «vero sistema di governo del paese e ordine dominante autoritario» da ristabilire.


I cinque membri avevano pianificato tutto: la loro strategia prevedeva, infatti, il danneggiamento delle infrastrutture elettriche affinché si verificassero blackout prolungati a livello nazionale, e quindi il rapimento di Karl Lauterbach insieme alle sue guardie del corpo che avrebbero «ucciso se necessario». Una volta concluso il blitz, il gruppo avrebbe indetto un’assemblea speciale – convocata a Berlino – per deporre pubblicamente il governo e nominare un nuovo leader. Uno degli arrestati, Sven B, doveva guidare il rapimento di Lauterbach, mentre a Thomas O era stato affidato il compito di controllare le infrastrutture elettriche per innescare i blackout nel Paese. Mentre Elisabeth R, insieme agli altri tre, era incaricata di reclutare potenziali membri attraverso Telegram. Non è la prima volta che un gruppo di sostenitori di estrema destra pianificano un colpo di stato in Germania: il 7 dicembre scorso, infatti, la polizia tedesca ha arrestato alcuni dei complottisti – tra cui un principe originario della Turingia e una giudice di Berlino – nella maxi-operazione  contro il gruppo Reichsbürger, «cittadini del Reich».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: