Chi fa i conti in tasca all’impero Ferragni (e parla di crisi con Fedez)

Dopo la sanzione dell’Agcom l’influencer ha perso circa 210mila followers e 20 milioni di interazioni

I guai iniziati con la multa dell’Antitrust per pratica commerciale scorretta riguardo al pandoro griffato #PinkChristmas potrebbero portare alla fine dell’impero di Chiara Ferragni? Troppo presto per dirlo. Ma non per calcolare quanti soldi, eventualmente, perderebbe la (ex?) regina delle influencer italiane. Ci prova oggi, 18 gennaio, il settimanale Chi. Partendo da una fotografia: attualmente, il marchio Chiara Ferragni (impresso su articoli di cancelleria, gioielli, occhiali, borse) vale 40 milioni di euro. Ci sono poi compensi derivanti dalla sua attività su Instagram possono arrivare fino a 90mila euro a post. Queste cifre da capogiro, però, poggiano non solo sul suo talento per gli affari, ma anche sulla sua reputazione. E il magazine parla anche di crisi con il marito Fedez.


I numeri

Tornando all’impero Ferragni Chiara Bacilieri, esperta di psicologia applicata al marketing e al lavoro, ha infatti spiegato come «essere testimonial di brand del lusso costruisce attorno all’influencer un’immagine di esclusività e aspirazionalità; caratteristiche che vengono poi “trasferite” anche ai prodotti che vende con il proprio brand. Questo rende un prodotto più desiderabile perché associato ad aspirazioni, stili di vita, esclusività». L’impero Ferragni si può dividere in due grandi gruppi: la Srl “Fenice“, alla quale fanno capo le licenze del marchio, che ha chiuso il 2022 con ricavi per 14,2 milioni e un giro d’affari a valore retail di 61 milioni.


E “TbsCrew”, che si occupa di tutto il resto, dalle consulenze ad altri brand fino alla gestione dell’immagine di Ferragni. Fabio Maria D’Amato, il fedelissimo della «Blonde Salad», prima dello scandalo annunciava: «Il giro d’affari di “Fenice” dovrebbe arrivare a 71 milioni, quello di “Tbs Crew” a 18,9 milioni». Le attività sono raccolte da una holding, “Sisterhood”, di cui fa parte anche una società che l’influencer ha aperto con la madre, “Ferragni Enterprises”. A quest’ultima appartiene il nuovo superattico a CityLife da oltre 10 milioni di euro.

I guai

Ma adesso arrivano i guai. Perché dopo la sanzione dell’Agcom il preziosissimo account ha perso circa 210mila followers, e 20 milioni di interazioni. Anche al di fuori degli schermi, le cose sembrano prendere una brutta china: lo certifica la decisione dei marchi Safilo e Monnalisa di interrompere le loro collaborazioni con l’influencer. E quella di Coca-Cola, che ha annullato uno spot pubblicitario che sarebbe dovuto andare in onda in occasione del Festival di Sanremo. Adesso gli occhi sono puntati su Pantene, Morellato e Nespresso: se anche loro decidessero di tirarsi indietro, il danno sarebbe di diversi milioni di euro. Nel frattempo, anche in famiglia pare ci sia maretta. Sarebbe infatti, secondo Chi, in atto una crisi coniugale, dal momento che Chiara sembrerebbe non aver apprezzato le sparate del marito Fedez contro i giornalisti, e il rapper sarebbe a sua volta insofferente nei confronti del team di comunicazione che affianca la consorte.

Leggi anche: