Allagamenti in Veneto, crolla un ponte nel Vicentino. Allerta «rossa» per altri forti temporali. Zaia: «Siamo in difficoltà» – Il video

Allagamenti diffusi nelle province di Verona e Vicenza. Dichiarato lo stato di emergenza regionale

Dopo la Lombardia, è il Veneto a dover fare i conti con il maltempo. La Protezione Civile ha dichiarato lo stato di «allerta rossa» per criticità idrogeologica e idraulica su gran parte del territorio regionale. L’allarme è scattato alle 12 di oggi, giovedì 16 maggio, e durerà almeno fino alle 14 di domani. Dalla scorsa notte, i Vigili del Fuoco hanno ricevuto centinaia di richieste di intervento per allagamenti diffusi e danni causati dal maltempo e dalle forti piogge. In alcune province la circolazione del traffico è molto rallentata, con diversi tratti di strada e sottopassi allagati. «Un’alluvione così a metà maggio non ce lo aspettavamo. È un fenomeno eccezionale per la stagionalità e per le sue caratteristiche. Siamo in oggettiva difficoltà», ha ammesso Luca Zaia, presidente del Veneto. Zaia ha quindi invitato i cittadini a uscire di casa solo «per lo stretto necessario» e rimanere comunque «lontano dagli argini» dei fiumi. Il presidente del Veneto ha aperto l’unità di crisi e dichiarato lo stato di emergenza, con l’avvio della relativa procedura dei rimborsi e di accesso ai fondi nazionali.


Il ponte crollato a Vicenza

A Malo, in provincia di Vicenza, un ponte è stato spazzato via nella notte da un torrente in piena. A farlo crollare è stata la forza della corrente del torrente Livergon, ingrossato dalle piogge. Nessuna persona è rimasta coinvolta nell’incidente. Sempre a Vicenza, il comune ha inviato un sms a tutti i cittadini invitandoli a «spostare entro le 16 automobili e beni da interrati e piano terra lungo l’asta Bacchiglione e Retrone e in tutte le zone a rischio allagamenti». La scorsa notte, un senzatetto è stato portato in salvo dall’acqua che lo stava sommergendo in una zona completamente allagata nel centro di Vicenza.


La situazione nel Veronese

Nel Veronese proseguono le operazioni di soccorso per le violente piogge iniziate la scorsa notte. Nel territorio di Cologna Veneta ci sono stati allagamenti nelle campagne e nelle aziende agricola a seguito della rottura di un argine del fiume Guà. Chiuse alcune strade nei comuni di Albaredo d’Adige e Veronella. A Soave e San Giovanni Ilarione oggi le scuole sono rimaste chiuse. A Verona, scrive il Corriere, i vigili del fuoco hanno recuperato il corpo di un uomo nella zona del Boschetto. Sono in corso accertamenti per verificare se si tratti della persona che la scorsa settimana si era gettata nell’Adige per fuggire dalla polizia.

Leggi anche: