Elon Musk sdogana il porno su X: «Siete liberi di condividere ciò che volete». Il nodo del consenso e delle restrizioni per gli under 18

La nuova policy sui contenuti per adulti della piattaforma: più libertà in cambio di un’etichetta apposita

Cambiano le regole su X, l’ex Twitter ora guidato da Elon Musk, per i contenuti espliciti, compresi video pornografici. Dal mese di giugno infatti la piattaforma ha reso ufficialmente possibile pubblicare materiale di questo tipo in nome della «autonomia degli adulti» di creare i contenuti che credono, a condizione che i video o le immagini diffuse siano contrassegnate da un content warning dedicato. X s’impegna inoltre a far sì che gli utenti minorenni non possano vedere tali tipologie di contenuti. «Potete ora condividere materiale prodotto e distribuito consensualmente con nudità di adulti o comportamenti sessuali, a condizione che sia etichettato in modo appropriato e non mostrato in modo prominente», si legge nella nuova policy istituita dalla piattaforma di Musk.


Libertà e controllo: il nuovo (tentato) equilibrio

Da un lato quindi X si prefigge l’obiettivo di proteggere «l’espressone sessuale, scritta o visuale» quale «legittima forma di espressione artistica» e appunto l’autonomia degli adulti di «creare e condividere contenuti che riflettano le loro convinzioni, desideri, esperienze, comprese quelle legate alla sessualità». Dall’altra viene ristretto l’accesso a contenuti espliciti a minori o agli adulti che non vogliono vederli, viene proibito condividere contenuti che promuovano «lo sfruttamento, il non-consenso, l’oggettificazione, la sessualizzazione, danni ai minori o comportamenti osceni». Obiettivi che necessiteranno senza dubbio di uno sforzo di moderazione dei contenuti tutt’altro che scontato da parte di X. Proibito anche condividere contenuti per adulti in «posti ad alta visibilità, come le foto profilo o i banner» che identificano ciascun utente. Infine, a chi condivide questo tipo di materiale viene richiesto di modificare le proprie impostazioni sui media di modo che in quelli condivisi venga incluso un content warning che gli altri utenti devono accettare prima di procedere nella visualizzazione. Se non lo farete voi, indica la nuova policy, sarà direttamente X a «modificare le impostazioni dell’account per voi» dopo aver rilevato dall’alto ciò che viene condiviso.


Porta sul porno per gli adolescenti

La condivisione di materiale pornografico è in realtà sempre stata possibile su Twitter, che non ha mai messo in campo un divieto ad hoc. Tanto che, come ricorda il Guardian, in molti Paesi del mondo è quella una delle fonti privilegiate tramite le quali gli adolescenti guardano video esplicito. Nel Regno Unito, una ricerca governativa ha stabilito lo scorso anno come il 41% dei teen-ager tra 16 e 18 anni abbia visto contenuti porno su X, contro il 37% che ne ha usufruiti su siti “dedicati”.

Leggi anche: