UE: plastica vietata in tutta Europa. Il divieto scatta dal 2021

di OPEN

L’Unione Europea ha raggiunto un accordo per vietare prodotti di plastica monouso dal 2021. Attesa la decisione finale del Parlamento europeo.

L’Unione Europea ha compiuto un altro passo avanti per la protezione dell’ambiente: banditi i prodotti di plastica monouso. Dopo dodici ore di negoziati, le istituzione europee hanno raggiunto un accordo che prevede restrizioni alla commercializzazione e all’uso di oggetti monouso in plastica. Dal 2021 saranno vietati posate e piatti, cannucce, contenitori per alimenti e tazze in polistirolo espanso (come le scatole di fast food), bastoncini di cotone per i prodotti dell’igiene tipo cotton fioc. Per altri prodotti ci saranno obiettivi di riduzione.

Per le bottiglie in Pet per bevande, per esempio, viene fissato un obiettivo vincolante di almeno il 25% di plastica riciclata dal 2025 in poi, calcolato come media per lo Stato membro. Nel 2030 tutte le bottiglie di plastica dovranno rispettare un obiettivo di almeno il 30% di contenuto riciclato.Le misure devono però passare l’approvazione degli Stati membri dell’UE e del Parlamento europeo. Il divieto dovrebbe diventare effettivo entro due anni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

UE: plastica vietata in tutta Europa. Il divieto scatta dal 2021 foto 1

ANSA

A maggio la Commissione europea aveva proposto regole comunitarie per eliminare l’uso dei prodotti in plastica. I numeri sulla produzione di plastica nel mondo sono in crescita e tra le prime vittime ci sono gli oceani: l’80% dei rifiuti marittimi è costituita da plastica. Fiducioso il vice-presidente della Commissione Frans Timmermans: “Accolgo con grande favore l’ambizioso accordo raggiunto sulla nostra proposta di ridurre la plastica monouso, un accordo che aiuta veramente a proteggere la nostra gente e il nostro pianeta”.