Pechino: Taiwan sarà annessa alla Cina

di OPEN

Il leader Xi Jinping: “Passaggio inevitabile. L’unificazione è requisito necessario per il grande ringiovanimento del popolo cinese”

L'annessione alla Cina di Taiwan è un passaggio inevitabile. Il messaggio che il presidente cinese Xi Jinping ha comunicato ai cittadini taiwanesi arriva dopo 40 anni di disgelo nelle relazioni tra i due Paesi. Il presidente ha ribadito in modo netto la richiesta di una unificazione pacifica, identificata come "requisito necessario per il grande ringiovanimento del popolo cinese". Una mossa per la quale, ha fatto sapere Xi, la Cina si riserva comunque "anche il diritto di usare la forza".

  photo

 

Attualmente Taiwan si autogoverna e risulta di fatto indipendente, ma non ha mai dichiarato formalmente la propria indipendenza dalla Cina e Pechino considera l'isola una provincia separatista. Nel suo discorso, il presidente Xi ha sottolineato come entrambi i Paesi facessero parte della stessa famiglia cinese e ha identificato l'indipendentismo di Taiwan come una "corrente avversa alla storia, che prima o poi sarebbe terminata", lasciando così passare il messaggio che le relazioni con Taiwan sono parte della politica interna della Cina. 

 

"Il popolo taiwanese deve capire che l'indipendenza porta disagi". Queste le parole di Xi, il quale ha poi aggiunto che Pechino non tollererebbe mai alcuna attività che promuova il separatismo. Il riferimento è a tutte quelle interferenze straniere o a quelle forze esterne che il governo cinese non lascerebbe agire indisturbate: "Pechino si riserva la possibilità di prendere tutte le misure necessarie contro chi interferisce con la riunificazione pacifica di Taiwan con la Cina", ha detto Xi Jinping.