Toninelli: «Dossier Tav alla Francia? Sono le regole, Matteo lo sa»

Il ministro delle Infrastrutture risponde a Salvini, che aveva criticato l’invio dell’analisi costi-benefici al governo francese: «Ho seguito le procedure perché è una questione internazionale. Nemmeno Di Maio è a conoscenza del contenuto»

In attesa della pubblicazione dell'analisi costi-benefici sulla Tav (commissionata dal governo) continua la tensione su quest'opera tra Lega e Movimento 5 Stelle. Il caso del giorno è l'invio del dossier alla Francia: «Ho seguito le procedure» spiega a OPEN il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Un gesto criticato dal segretario leghista che si è chiesto «perché dei numeri che riguardano il futuro degli italiani vengano conosciuti prima a Parigi che a Roma».

E il ministro M5S ha risposto proprio al collega Salvini: «Non è bizzarro l'invio della documentazione alla Francia e Matteo lo sa. Nemmeno Di Maio è a conoscenza del contenuto». Contenuto che sicuramente conosce il presidente del Consiglio Conte, che aveva ricevuto i documenti a dicembre. Il dossier sulla linea Torino-Lione sarà consegnata nel pomeriggio alla Commissione europea, dopo l'allarme dei giorni scorsi per una possibile riduzione dei fondi erogati.