Il ministro dell’Economia francese: «La recessione in Italia è una minaccia anche per Parigi»

di Redazione

Dopo il gelo delle scorse settimane, Francia e Italia erano sulla via della riappacificazione, ma ora un nuovo attacco a Roma arriva dal ministro delle Finanze dell’Eliseo. Bruno Le Maire ha annunciato anche un vertice con Giovanni Tria

La situazione dell'economia europea è incerta. Dai dazi di Trump alla Cina, alle preoccupazioni per la questione Brexit, l'Eurozona è entrata in un circolo vizioso, come dichiarato dal capo economista della Banca Centrale Europea, Peter Praet. Anche l'economia italiana preoccupa i Paesi membri. In particolare, per Parigi il lento tracollo delle finanze italiane rappresenta una seria minaccia. A dirlo è Bruno Le Maire, ministro dell'economia e delle finanze dell'Eliseo: «Non bisogna sottovalutare l'impatto della recessione in Italia», ha dichiarato in un'intervista a Bloomberg News». 

«Parliamo tanto di Brexit ma non abbastanza della recessione in Italia, che avrà un impatto significativo sulla crescita dell'Europa e potrà pesare sulla Francia perché è uno dei nostri principali partner commerciali», ha sottolineato Le Maire. Il volume degli scambi tra Italia e Francia si aggira infatti sui 90 miliardi di dollari all'anno. Di recente, la visita di Luigi di Maio ai gilet gialli e il conseguente richiamo dell'ambasciatore francese a Roma aveva fatto calare il gelo sui rapporti tra Roma e Parigi, mettendo a rischio una partnership di importanza strategica per entrambi i Paesi. 

Le dichiarazioni di Le Maire arrivano dopo i dati negativi sull'economia dell'Eurozona che hanno messo in luce le difficoltà sia di Berlino che dell'Italia, mentre Parigi mantiene una piccola crescita dello 0,3 per cento.

Durante l'intervista, il ministro dell'Economia francese ha anche annunciato un vertice a Parigi con il ministro Giovanni Tria: «È sempre meglio dialogare e parlare piuttosto che scontrarsi», ha detto Le Maire, aggiungendo: «Siamo tutti uniti, ci piaccia o no».