Il carabiniere che ha salvato i bambini dallo scuolabus in fiamme: «Non dimenticherò mai i loro grazie»

Il maresciallo capo Roberto Manucci ha guidato l’operazione che ha portato al salvataggio dei 51 bambini della scuola media Vailati di Crema sequestrati da Ousseynou Sy

Avrebbe potuto essere una tragedia ma grazie alla prontezza di riflessi di alcuni bambini e all'intervento dei carabinieri della stazione di Paullo il dirottamento dello scuolabus con a bordo 51 bambini si è risolto nel migliore dei modi.

«Mentre i colleghi si occupavano di convincere l'autista a desistere dall'intento di arrivare all'aeroporto di Linate, io e altri uomini ci siamo occupati di far uscire dall'autobus i ragazzi», ha raccontato al quotidiano Il Messaggero il maresciallo capo Roberto Manucci che con i suoi uomini ha fisicamente liberato e salvato dalla morsa di una possibile strage i bambini sequestrati dall'autista 47enne Ousseynou Sy.

«Ho aperto la porta di sicurezza posteriore, siamo riusciti a fare un varco per farli fuggire ma i ragazzi sono stati bravissimi. Si sono lanciati, c'era chi correva via e chi piangeva, chi gridava e chi era contento, ci hanno abbracciato per la gioia», ha proseguito il maresciallo Manucci.

«L'autista ha ripreso la marcia quando si è accorto che stavano mettendosi in salvo. Erano rimasti ancora altri ragazzini sopra il bus ma sono stati sveltissimi, sono scesi giù al volo. Sono stati lucidi, veloci, sono riusciti a fuggire lanciandosi dal bus in corsa», ha sottolineato.

Proprio quando i ragazzi erano ormai già fuggiti dal bus fuori controllo, Ousseynou Sy avrebbe dato fuoco al mezzo. Dopo aver scatenato l'incendio è uscito dal pullman in fiamme per fuggire, ma è stato immediatamente braccato dalle forze dell'ordine e ammanettato al new jersey. «Non dimenticherò mai i grazie dei bambini, i loro abbracci, i loro pianti e chi alla fine gridava come quando fai gol», ha concluso il maresciallo Manucci.

Nel frattempo, nella mattinata del 21 marzo, sulla pagina Facebook ufficiale dei Carabinieri, è stato pubblicato un post di ringraziamento indirizzato agli uomini del maresciallo capo Manucci: «Ai “nostri Eroi” di Milano. Nel giorno in cui nasce la primavera, festeggiamo cinquantuno bambini tornati a casa. Cinquantuno bambini, la primavera della vita. È stato tutto molto semplice, tutto come mille altre volte: una richiesta di soccorso, l'allerta della Centrale, l'intervento. È stato straordinario».

https://www.facebook.com/carabinieri.it/posts/1490269954441730

Leggi anche