Il caso dei suicidi tra i sopravvissuti al massacro di Parkland

Dopo la morte volontaria della 19enne Sydney Aiello, un altro sopravvissuto alla sparatoia di massa avvenuta in Florida nel 2018 si sarebbe tolto la vita lo scorso sabato

Un altro studente scampato alla strage di Parkland si è suicidato in Florida. A riferirlo sono i media americani, secondo cui il ragazzo trovato morto lo scorso sabato potrebbe essere uno dei sopravvissuti al massacro della scuola di Marjory Stoneman, dove il 14 febbraio del 2018 morirono 17 persone e furono ferite altre 17. Il 19enne Nicholas Cruz, espulso dalla scuola per motivi disciplinari, era entrato armato uccidendo tre persone fuori dall'edificio e altre 12 all'interno, altre due morirono in ospedale.


Il portavoce della polizia di Coral Springs Tyler Reik ha riferito che: «In segno di rispetto alla famiglia, non riveleremo il nome, è un minore». Non c'è ancora la certezza che il ragazzo sia uno dei sopravvissuti al massacro di Parkland: «Sappiamo che frequentava la Stoneman Douglas. Ma non posso dire se sia collegato alla strage. Non sappiamo le ragioni di questo gesto. C'è un'indagine in corso. E non abbiamo ancora confermato che si tratti di un suicidio».

Il caso dei suicidi tra i sopravvissuti al massacro di Parkland foto 1

Shutterstock |Studenti in protesta in Washington per chiedere una riforma sul controllo delle armi, febbraio 2019

Jared Moskowitz: «La salute mentale è un problema bipartisan»

La morte del ragazzo segue quella di Sydney Aiello, una ragazza di 19 anni suicidatasi lo scorso weekend. Sopravvissuta al massacro, alla ragazza era stata diagnostico un disturbo da stress post-traumatico o PTSD. «Ora è il momento di aiutare la legislazione della Florida», ha detto Jared Moskowitz, direttore generale della gestione delle emergenze della Florida ed ex rappresentante dello stato di Parkland. «La salute mentale è un problema bipartisan», ha pubblicato su Twitter.

https://twitter.com/statuses/1109825488057450496

«Chiederanno ai genitori di prendere sul serio questa questione», ha detto Ryan Petty, padre di Alaina Petty, una matricola quattordicenne, tra le 17 persone assassinate il 14 febbraio 2018. «I genitori non possono aver paura di chiedere i loro bambini le domande difficili».

Helen Aguirre Ferré, direttore delle comunicazioni per l'ufficio stampa del governatore Ron DeSantis, ha detto che il governatore è a conoscenza delle notizie sui suicidi e sta monitorando la situazione. DeSantis ha stabilito relazioni con diversi genitori che hanno perso bambini durante le riprese dell'anno scorso e ha avuto conversazioni con le famiglie.

David Hogg, sopravvissuto alla strage di Parkland, e leader del movimento per la riforma sul controllo delle armi, March for our lives, la scorsa domenica aveva scritto: «Quanti più bambini devono essere presi da noi come risultato del suicidio per il governo / distretto scolastico a Fai qualcosa? Rip 17 + 2.».

Leggi anche