Elezioni in Finlandia: la sinistra vince per una manciata di voti, secondi i sovranisti alleati di Salvini

di OPEN

I socialdemocratici ottengono il 17.7% dei voti, i Veri Finlandesi il 17.5%

Rosso e nero: sono i colori del nuovo parlamentofinlandese, appena eletto. Isocialdemocratici hanno ottenuto il 17.7% dei voti, il partito di estrema destra dei Veri Finlandesi il 17.5%.

Dopo la chiusura dei seggi per le elezioni parlamentari, per diverse oreè stato un vero e proprio testa a testa tra i due partiti. Basti pensare che con il 94% dei voti scrutinati, soltanto 5 mila voti separavano il partito di sinistra da quello di estrema destra alleato alle Europee con Matteo Salvini.

https://twitter.com/statuses/1117533196801933314

Vittoria dunque, anche se solo per uno 0,2%, per il socialdemocraticoAntti Rinne. Erano 20 anni che il governo finlandese non aveva un leader di sinistra.Ora il problema sarà però governare visto che i numeri non sono sufficienti per una maggioranza: con una preferenza del genere, del circa 18%, i socialdemocratici riuscirebbero ad ottenere soltanto 40 seggi su 200 in Parlamento.

Cresce il consensodell'estrema destra, nelle scorse elezioni si era fermata al 15%, ora è a 17,5%. Il leaderOlli Kotro ha fatto una campagna elettorale basata su temi quali immigrazione esicurezza, ottendendo l'endorsement di Matteo Salvini di cui i Veri Finlandesi sono alleati in vista delle Europee. «Gli amici "populisti" del partito dei finlandesi diventano secondo partito in Finlandia!!! Il 26 maggio, insieme alla Lega, finalmente si cambia l'Europa», festeggia Salvini.

Con un testa a testa simile però nessuno dei due partiti, socialdemocratici e Veri Finlandesi, è abbastanza forte per governare da solo. Per avere voce nel nuovo governo saranno fondamentalile alleanze che si formeranno dopo le elezioni,soprattutto in vista del semestre europeo che da luglio sarà a guida diHelsinki.Grande sconfitta, invece, per il premier uscenteJuha Sipilail cui partito di centrodestra è arrivato quarto.

Foto copertina:Antti Rinne, leader del partito socialdemocatico

Leggi anche