C’è vita su Notre Dame: le api sono sopravvissute all’incendio

di Redazione

Sono più di 200mila e si credeva fossero morte nell’incendio. E invece sono ancora lì, sopra la sacrestia

Sono piccole, ma dure a morire. Le api sono sopravvissute all'incendio di Notre Dame, che ha distrutto la guglia, il tetto, la volta ma non le arnie che erano posizionate sopra la sacrestia, a circa 30 metri dal soffitto. 

La conferma è arrivata da Nicholas Géant, l'apicoltore che si prende cura dei tre alveari ospitati dalla cattedrale, dove vivono in tutto 200mila api. Il progetto è nato nel 2013 e ha l'obiettivo di aumentare il numero di api presenti a Parigi. 

«Ho ricevuto una telefonata da Andre Finot, il portavoce di Notre Dame: sono state avvistate delle api volare dentro e fuori dagli alveari, il che significa che sono ancora vive» ha detto Géant alla CNN. «Subito dopo l'incendio ho guardato le foto dei droni e ho visto che gli alveari non erano bruciati. Sono sollevato!»

https://twitter.com/statuses/1119242373723242496?ref_src=twsrc%5Etfw

Ogni anno – in tutto il mondo – gli apicoltori perdono, in media, il 50% delle loro colonie. Il fenomeno è noto come "sindrome di spopolamento degli alveari" ed è strettamente legato all'uso dei pesticidi e ai cambiamenti climatici. 

Si tratta di un problema enorme, perché le api svolgono un lavoro fondamentale per mantenere la biodiversità in tutti gli ecosistemi. Senza le api e la loro opera di impollinazione, non esisterebbero molti fiori, le piante non riuscirebbero a riprodursi e dalla nostra dieta scomparirebbero alimenti di uso quotidiano. 

Secondo l’European Food Safety Authority, «su 100 specie di colture che forniscono il 90% del fabbisogno alimentare mondiale, 70 sono impollinate dalle api». 

Géant ha spiegato che il fumo non le ha uccise, ma le ha «ubriacate, facendole dormire. Grazie a Dio le fiamme non le hanno toccate. È un miracolo!».