Panarea «plastic free», il racconto del sindaco: «Chi non butta la bottiglia di plastica riceve un buono per la spesa»

I cittadini potranno riciclare e salvaguardare l’ambiente in cambio di un buono spesa. Il sindaco: «Felicissimi di come sta andando finora»

A Panarea la salvaguardia dell'ambiente è una cosa seria. Pochi giorni fa è infatti partita un'iniziativa in collaborazione con Marevivo -l'associazione nazionale ambientalista-, chiamata #EmergenSea, Ognuno di noi può fare qualcosa per difendere il mare con l'obiettivo di ridurre gli sprechi legati alla plastica e al conseguente riciclo. Fuori da un supermercato è stato installato un eco compattatore per recipienti in plastica. Chiunque passi può lasciare lì i propri rifiuti in plastica  evitando dunque di gettarli nel cosiddetto "indifferenziato" - e otterrà in cambio un buono spesa. 

L'iniziativa è promossa all'interno di un progetto più ampio per la tutela ambientale delle Eolie, e sembra stia riscontrando un discreto successo come ha confermato il sindaco Marco Giorgianni, che a Open ha detto: «Siamo partiti benissimo, non ce lo aspettavamo e invece i cittadini, complice anche il buono spesa, stanno dimostrando grande senso civico. Si spera di continuare così, perché siamo davvero felici del risultato ottenuto finora».

Il prossimo obiettivo sarà quello di realizzare una "casa dell'acqua", un posto in cui i cittadini potranno andare a ritirare l'acqua, evitando così il consumo e lo spreco di bottiglie in plastica. L'eco compattatore, che è stato installato per la prima volta a Lipari, ha consentito il recupero di 70 mila bottiglie. 

Leggi anche