L’Istat: occupazione in crescita, soprattutto per i giovani

di OPEN

Secondo l’Istituto di Statistica il numero degli occupati è vicino ai massimi registrati a metà del 2018

Dopo i dati (negativi) dell'Eurostat sull'occupazione giovanile al Sud, arrivano notizie positive sul fronte dell'occupazione media dell'Italia. Secondo l'ultimo rapporto dell'Istat, a marzo 2019 il numero degli italiani con un lavoro era già vicino ai livelli massimi registrati a metà del 2018. Nel terzo mese dell'anno, il numero degli occupati è cresciuto di oltre 60.000 unità.

Il tasso di occupazione sale dello 0,2% e le persone in cerca di un impiego calano del 3,5%. In generale, nel periodo tra gennaio e marzo l'occupazione ha registrato una crescita rispetto al trimestre precedente. Stabile invece la stima complessiva degli inattivi tra i 15 e i 64 anni, un dato che deriva dalla diminuzione del tasso di inattività tra gli under 34 e l'aumento tra gli over 35. 

L'Istat: occupazione in crescita, soprattutto per i giovani foto 1

Istat: dati sull'occupazione

Occupazione per fasce d'età

Sono gli under 25 a segnare la crescita più importante. Rispetto a febbraio, i giovani occupati crescono del 4,9%, con una diminuzione sia dei disoccupati (-2,8%) che dei "Neet" (-0,9%). Gli unici a segnare una controtendenza nel contesto generalmente positivo sono gli over 50, che scendono dello 0,2% (-14.000 unità) per quanto riguarda i livelli di occupazione. Crescono anche gli inattivi dello +0,4% (0,7% se si considera solo la fascia di età tra i 50 e i 64 anni). 

L'Istat: occupazione in crescita, soprattutto per i giovani foto 3

Istat: dati sull'occupazione, disoccupazione e inattività per fasce di età

Occupazione per genere

L'occupazione femminile sale dello 0,3%, mentre il numero delle disoccupate scende del 3,7%. Andamento simile anche per le percentuale dell'occupazione maschile, che sale dello 0,2%, mentre scende del 3,3% il numero dei disoccupati. 

L'Istat: occupazione in crescita, soprattutto per i giovani foto 2

Istat: dati sull'occupazione, disoccupazione e inattività per genere

Sia dal punto di vista dei lavoratori dipendenti che da quello dei lavoratori autonomi, l'aumento è dello 0,3% rispetto a febbraio, e dello 0,2% rispetto al trimestre ottobre-dicembre 2018.