L’Istat: occupazione in crescita, soprattutto per i giovani

di OPEN

Secondo l’Istituto di Statistica il numero degli occupati è vicino ai massimi registrati a metà del 2018

Dopo i dati (negativi)dell'Eurostat sull'occupazione giovanile al Sud, arrivano notizie positive sul fronte dell'occupazione media dell'Italia. Secondo l'ultimo rapporto dell'Istat,a marzo 2019 il numero degli italiani con un lavoro eragià vicinoai livelli massimi registrati a metà del 2018. Nel terzo mese dell'anno, il numero degli occupati è cresciuto di oltre 60.000 unità.

Il tasso di occupazione sale dello 0,2% e le persone in cerca di un impiego calano del 3,5%. In generale, nel periodo tra gennaio e marzo l'occupazione ha registrato una crescita rispetto al trimestre precedente.Stabile invece la stima complessiva degli inattivi tra i 15 e i 64 anni, un dato che deriva dalla diminuzione del tasso diinattività tra gli under 34 el'aumento tra gli over 35.

L'Istat: occupazione in crescita, soprattutto per i giovani foto 1

Istat: dati sull'occupazione

Occupazione per fasce d'età

Sono gli under 25 a segnare la crescita più importante. Rispetto a febbraio, i giovani occupati crescono del 4,9%, con una diminuzione sia dei disoccupati (-2,8%) che dei "Neet" (-0,9%).Gli unici a segnare una controtendenza nel contesto generalmente positivo sono gli over 50, che scendono dello 0,2% (-14.000 unità) per quanto riguarda i livelli di occupazione. Crescono anche gli inattivi dello +0,4% (0,7% se si considera solo la fascia di età tra i 50 e i 64 anni).

L'Istat: occupazione in crescita, soprattutto per i giovani foto 3

Istat: dati sull'occupazione, disoccupazione e inattività per fasce di età

Occupazione per genere

L'occupazione femminile sale dello 0,3%, mentre il numero delle disoccupate scende del 3,7%. Andamento simile anche per le percentuale dell'occupazione maschile, che sale dello 0,2%, mentre scende del 3,3% il numero dei disoccupati.

L'Istat: occupazione in crescita, soprattutto per i giovani foto 2

Istat: dati sull'occupazione, disoccupazione e inattività per genere

Sia dal punto di vista dei lavoratori dipendenti che da quello dei lavoratori autonomi, l'aumento è dello 0,3% rispetto a febbraio, e dello 0,2% rispetto al trimestre ottobre-dicembre 2018.

Leggi anche