Nasce Wikipilation, 10mila film sulla storia del mondo e dei diritti umani, lontani da una visione eurocentrica

Creata dal norvegese Njål Helgheim, è un’enciclopedia di oltre 10mila film e documentari, ordinati cronologicamente dal Big Bang al presente

Njål Helgheim ha creato Wikipilation per i suoi bambini: voleva che i suoi figli fossero fieri di Haiti come la madre. Ma di Haiti, nelle scuole norvegesi, non si parla. Così Njål ha deciso che avrebbe creato una storia del mondo nel quale il Paese di origine della moglie avesse almeno un capitolo dedicato.

Sette anni dopo nasce Wikipilation, ebook che contiene una collezione di 10 mila film e documentari sulla «storia del mondo, dei diritti umani e di altre questioni globali».

C’è attenzione particolare all’Africa, al Medio Oriente, all’Asia e alle tematiche Lgbtq. Si parla dei Shinjuku Boys, per esempio, indagando la cultura transgender del Giappone. Oppure si seguono le vicende dei musulmani in Myanmar, le sorti dell’Umbrella Movement di Hong Kong, e naturalmente, della rivoluzione haitiana.

https://twitter.com/statuses/1116741133978210307

I film, datati dal 1900 al 2018, sono introdotti da una breve sinossi che sottolinea le tematiche e gli eventi storici trattati. L’ebook è illustrato da 373 disegni di Helgheim e dei suoi bambini.

La collezione, in costante aggiornamento, ha materiale per tutti: dai bambini in età scolastica a spettatori più maturi. Secondo l’autore, è particolarmente indicata per insegnanti e studenti dai 13 anni in su.

Il tentativo espresso è di sfuggire una visione eurocentrica della storia. Ma c’è di più: secondo Helgheim, «lo scopo è coinvolgere i giovani del mondo in una lotta con l’ingiustizia sociale, la distruzione ambientale, le violazioni dei diritti umani e le minacce alla democrazia in paesi democratici. Se agli adolescenti è data la speranza che il cambiamento è possibile, l’epidemia globale di indifferenza può essere fermata».

Sullo tesso tema