Salvini contestato mentre parla di sanità risponde: «Se state male dove c***o andate, al centro sociale?»

«Ci sono delle zanzare là in fondo. L’unica cosa che mi dispiace è che ci siano uomini e donne della polizia impegnati a tenere a bada quattro figli di papà viziati. Fatevi meno canne»

Il 9 maggio, durante un comizio per le comunali a Osimo, nelle Marche, il ministro dell’Interno Matteo Salvini parla di sanità e promette:«Prossimo obiettivo è mandare a casa la sinistra al governo regionale che ha smantellato la sanità. Conquisteremo le Marche e riapriremo gli ospedali chiusi perché sulla sanità non si scherza».

Nel frattempo, all’altra estremità della piazza, alle forze dell’ordine è stato dato il compito di tenere lontani circa cento manifestanti. I contestatori, con i mano cartelli di protesta (qualcuno è stato sequestrato), fischiavano e hanno ripetuto più volte epiteti come «fascista», «buffone». Il ministro dell’Interno, dal canto suo, non ha utilizzato toni pacati per rispondere alle proteste e ha detto: «Ma se state male dove c***o andate al centro sociale?».

Al microfono, Matteo Salvini ha rivolto anche altre frasi ai manifestanti. Fa riflettereil linguaggio al quale il ministro dell’Interno ci ha abituato: «Ci sono delle zanzare là in fondo. L’unica cosa che mi dispiace è che ci siano uomini e donne della polizia impegnati a tenere a bada quattro figli di papà viziati. Fatevi meno canne».

Leggi anche