Curarsi con lo sport: in Galles abbonamenti gratis per le bici. Ma solo se lo prescrive il medico

di OPEN

Quando le buone abitudini servono a curare oltre che a prevenire: i pazienti di alcuni ospedali gallesi potranno usufruire gratis dei servizi di bici a noleggio

Buone notizie in arrivo per chiunque risieda in Galles. Nel giro di qualche tempo sarà possibile ricevere un abbonamento gratuito per i servizi di bike sharing del Paese, per andare in bici senza preoccuparsi del costo al minutaggio. Ma beninteso: solo se a prescriverlo sarà il medico. 

Il Paese britannico sarà il primo in tutta l'Isola a far partire un'iniziativa di questo tipo. Un esperimento che scommette sul miglioramento delle condizione di salute dei cittadini senza passare per le medicine. «Se pensate all'industria farmaceutica, questa è concepita non per forza nel senso curativo, ma per trattare i sintomi» ,ha detto al New York Times Dale Eslinger, direttore di un nuovo corso all' Università di Loughborough destinato a formare scienziati dell'esercizio. «E ovviamente gli effetti dell'esercizio fisico sono generalmente positivi».

In cosa consiste l'iniziativa

Fin dai primi anni della vita, chiunque si è sentito ripetere il mantra del «prevenire è meglio che curare». Un'alimentazione sana e uno stile di vita attivo aiutano il corpo a mantenersi in forma e a non ammalarsi. Ma da alcuni studi più recenti è emerso un aspetto ulteriore: oltre che prevenire, lo sport è anche in grado di curare. 

E così, ai pazienti di due centri medici a Cardiff, la capitale del Galles, sarà offerto un abbonamento semestrale a un servizio di noleggio bici. In questo modo potranno fare tutte le corse in bicicletta che vorranno, con il solo limite della durata: ogni viaggio in sella non potrà durare più di 30 minuti – ma la speranza, in futuro, è quella di espandere il programma.

Una cosa simile era già stata avviata a Boston nel 2014, mentre la Gran Bretagna aveva iniziato a familiarizzare con la prescrizione degli esercizi nelle palestre addirittura nel 2001. L'obiettivo principale del Servizio Sanitario Nazionale Inglese era quello di frenare l'aumento dei livelli di obesità del Paese, in aumento del 15% nel 2018 rispetto all'anno precedente.