Scrive «Salvini amico dei mafiosi» su uno striscione: donna indagata a Milano

La procura ha aperto un fascicolo per diffamazione dopo una segnalazione della Digos

A ;Milano è il giorno della manifestazione sovranista guidata da Salvini e Le Pen e della contromanifestazione degli oppositori del ministro dell'Interno, che si svolgerà tra le strade e i balconi della città. Dopo le polemiche per la rimozione di alcuni striscioni a Salerno e a Brembate (vicino a Bergamo)I Sentinelli di Milano – un'associazione che lotta contro tutte le discriminazioni – hanno lanciato le "balconiadi", invitandoi cittadini contrari alle politiche di Salvini a esporre degli striscioni ironici.

Così hanno fatto molti, ma non tutti: a San Siro, quartiere celebre per la presenza di centri sociali ecomitati che lottano per il diritto alla casa, è stato esposto uno striscione che riportaun'accusa pesante:«Salvini amico dei mafiosi e nemico dei poveri», c'è scritto. L'autrice, una donna che risiede nel quartiere, è stata indagata per diffamazione dalla procura di Milano.

Il fascicolo è stato apertoda Alberto Nobili, il pubblico ministero responsabile dell'antiterrorismo, dopo che la Digos gli aveva segnalato la vicenda.Tre giorni fa8 agenti avevano chiesto alla donna di togliere lo striscione, ma lei si era rifiutata di farlo, ritenendo che fosse un suo diritto esporre il suo pensiero.