Corte Ue: Governo italiano «deve assicurare» alloggio a rom

Tre cittadini bosniaci di etnia rom avevano fatto domanda per ottenere un alloggio il 16 maggio scorso

Il governo italiano «deve assicurare» un alloggio temporaneo a 10 bambini e ai loro genitori sgomberati recentemente da un campo Rom smantellato in località Ponte Riccio, nel comune di Giugliano (Napoli), senza separarli.

Questo è quanto si legge nella sentenza, o meglio, nella “misura urgente” richiesta dalla Corte europea dei diritti umani in favore di tre cittadini bosniaci di etnia Rom – e dei loro figli – che si sono rivolti alla stessa Corte il 16 maggio scorso.

 «Vivono attualmente con le loro famiglie in un campeggio improvvisato nella zona industriale di Giugliano» , scrive la Corte nel suo report.

Il governo italiano non ha ancora dato risposte circa nuove soluzioni abitative, ragion per cui la Corte si è ritrovata a dover adottare misure provvisorie, come appunto «fornire alloggio temporaneo per i minori coinvolti e i loro i genitori, senza separarli» .

«La Corte Europea vuole obbligarci a dare le case ai ROM? Ahahahahah. Motivo in più per votare Lega domenica!!!» . Così sui social Salvini dopo la sentenza della corte di Strasburgo.

Leggi anche: