Elton John ripudia la Brexit: «Non sono un idiota inglese imperialista»

Ha interrotto il concerto di Verona per dire la sua contro la Brexit: «Sono un cittadino europeo e mi vergogno del mio Paese per quello che ha fatto»

Arena di Verona, luci spente. All’improvviso un faro illumina una leggenda della musica contemporanea: Elton John, in giacca floreale e occhiali rosa, sfoggia il repertorio musicale che l’ha reso celebre nel mondo.

A un certo punto, però, il cantante interrompe il concerto: «Mi vergogno del mio Paese per quello che ha fatto. Si sono divise le persone. Sono stufo a morte dei politici, specialmente di quelli britannici».

Elton John non usa mezzi termini nei confronti di chi ha spinto per l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. «Sono stufo a morte dei politici, specialmente dei politici britannici – ha detto sul palco -. Sono stanco della Brexit. Io sono europeo». E poi la chiusa, molto forte: «Non sono un idiota inglese stupido, coloniale, imperialista».

Il Guardian ricorda che, oltre all’esternazione fatta sul palco di Verona mercoledì 29 maggio durante il tour Farewell Yellow Brick Road, Elton John aveva già espresso il suo imbarazzo per la Brexit. A luglio 2018 disse: «Non penso che ai britannici fosse stata detta la verità, avevano promesso loro qualcosa di totalmente ridicolo ed economicamente irrealizzabile».

Leggi anche: