Sex education: gonorrea, stanno finendo gli antibiotici per curarla

«Si trasmette meravigliosamente bene con il sesso orale. Il preservativo protegge dalla malattia ma… chi fa sesso orale con il preservativo?»

La gonorrea è meno diffusa della clamidia, ma entrambe sono importanti da conoscere e da affrontare per tempo perché sono causa di sterilità femminile. «Come per la clamidia, anche la gonorrea se non trattata fa chiudere le tube, causando quella che si chiama la sterilità tubarica», dice il professor Marco Cusini, responsabile del centro Mts – Malattie a trasmissione sessuale – del Policlinico di Milano.

La vera differenza con la clamidia è un’altra: «Il gonococco sta diventando un superbug. Noi abbiamo una pipe-line di antibiotici per la gonorrea, cioè una serie di farmaci che hanno effetto sul batterio, che si sta rapidamente esaurendo e facciamo sempre più fatica a trattarla».

Nel Regno Unito è stato segnalato il primo caso in assoluto di neisseria gonorrhoeae resistente a tutti gli antibiotici esistenti. Ma come avviene il contagio? «Si trasmette meravigliosamente bene con il sesso orale. Il preservativo protegge dalla gonorrea ma… chi fa sesso orale con il preservativo?». Il suo periodo di incubazione varia dalle 48 alle 72 ore.

Un altro fattore che non permette di sottovalutare la gonorrea è che «può essere asintomatica sia nel cavo orale che nell’apparato genitale femminile. Di solito le fanciulle non se ne accorgono perché un po’ di perdite le hanno sempre e non è facile stabilire da sole se sono dovute alla gonorrea. I maschi se ne accorgono perché se hai una perdita dal pene, dal dottore ci vai. – e poi conclude – La rilevanza è che facciamo fatica a curarla. C’è un aumento, meno consistente della clamidia, ma c’è».

Sonia Cucculelli per Open | Gonorrea, è popolarmente nominata “scolo” per il principale sintomo, ossia le perdite uretrali

di Felice Florio e Cecilia Greco

Leggi anche: