Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Cosa fa un italiano quando trova in terra un portafoglio smarrito

Un pool di ricercatori coordinati dall’Università del Michigan ha inscenato 17 mila episodi di soldi fintamente persi da qualcuno e valutato il comportamento delle persone che li trovavano

Alla fin fine, tirate tutte le somme, possiamo considerarci onesti. Non siamo noi a dirlo e a dircelo – sarebbe troppo facile – ma una singolare ricerca internazionale che ha dato questo risultato, a sorpresa. Meglio, un esperimento empirico quanto seriale, replicato per ben 17 mila volte.


Si tratta dell’equivalente di 17 mila casi o “finti casi” di “portamonete smarriti in luoghi diversi (hotel, tribunali, banche, negozi, uffici postali e musei) di 355 città dislocate in 40 Paesi” si legge sul Corriere della Sera del 22 giugno. Ancora meglio, di casi costruiti ad arte. Portafogli disseminati e abbandonati nei luoghi sopra elencati, che un improvvisato raccoglitore prende da terra e rivolgendosi alla persona che si trova più vicino e individuata a caso le dice: «Può restituirlo lei? Io al memento non ho tempo, sono impossibilitato a farlo».


Più soldi, più restituzioni

Risultato? «Ebbene, dicono i risultati, nella maggior parte dei casi le persone hanno restituito il portafoglio contenente soldi, biglietti da visita e in alcuni casi una chiave» si può leggere sul quotidiano milanese. E il dato forse più interessante è che «la percentuale delle restituzioni è aumentata con l’ammontare dei soldi» mentre «senza denaro è stato restituito nel 40% dei casi, nel 51% con una piccola somma (circa 13 dollari) e nel 72% con una quantità maggiore (94 dollari, condizione questa testata solo in Regno Unito, Stati Uniti e Polonia)».

Altruismo e benessere altrui

Incredibile dictu? No, secondo i ricercatori. Secondo il capo ricerca Alain Cohn dell’Università del Michigan l’analisi dimostra che «le persone tendono a preoccuparsi del benessere degli altri e hanno un’avversione a considerare se stessi come un ladro». E quindi in una certa misura la ricerca finirebbe con lo sfatare «la convinzione di chi pensa che i comportamenti umani siano regolati dall’egoismo e dal l’interesse individuale materiale».

La ricerca

A mettere in pratica la ricerca è stata una pattuglia di ricercatori svizzeri e americani che si sono anche improvvisati attori. L’obiettivo era, appunto, verificare il comportamento umano, per ricavarne una sorta di tasso di onestà. E si può dire che l’esperimento sia perfettamente riuscito. I risultati del lavoro sono stati poi diffusi dalla rivista Science. Ma la vera sorpresa per i ricercatori deriva dall’enfasi data dai media internazionali che ha provocato delle reazioni. Così l’equipe di ricerca è passata a sondare l’opinione 279 tra economisti ed esperti e un campione di 300 americani, i quali – quasi tutti – avevano messo nel conto (erroneamente) un comportamento degli interessati a restituire “il malloppo” affidato loro molto meno virtuoso.

Spiega così Giancarlo Cerveri, psichiatra, esperto comportamentale: “Il comportamento onesto è di chi sa che tale appartenenza è fondamentale per la sua sopravvivenza. Se si avvantaggia personalmente va contro il suo interesse. Resta isolato. I risultati sono in linea con l’evoluzione dall’Homo Sapiens in avanti».

Il dato interessante della ricerca condotta dalle università di Zurigo, del Michigan e dell’Utah riguarda ora la classifica dei virtuosi. I primi della classe si sono dimostrati i cittadini svizzeri, norvegesi, dei Paesi Bassi, danesi e svedesi. Coloro i quali si sono comportati meno bene sono cinesi, marocchini, peruviani, kenioti e del Kazakistan. E gli italiani? Giusto nel mezzo. Né troppo onesti, né troppo ladri. Equilibristi. Camminano perfettamente sul filo.

«I valori culturali locali e il sistema politico sembrano influenzare” osserva la Repubblica. “Ad esempio, più storicamente sono forti i legami familiari in un Paese, meno vengono restituiti i portafogli: l’Italia appare meno civica della Francia. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le persone sono più abituate a preoccuparsi del loro piccolo gruppo rispetto agli estranei”, spiega Christian Zund, dottorando dell’Università di Zurigo.

di Alberto Ferrigolo per AGI

Leggi anche: